CATAGNIA O CASTAGNIA

 

campionato, juve, inter, milan

…OGGI O MAI PIU’…FORSE..

Tempo di raccolta, tempo di marroni, castagne e autunno. E’ tempo di non mollare la presa. L’osso bianconero rimane a tiro solo se oggi si porta a casa la pagnotta. Con la consuetudine a noi più prossima: la sofferrenza. Maran è uno che ci sa fare. 4-3-3 spinto e senza pensarla troppo: questo significa (vedi Varese di qualche anno fa) spregiudicatezza e gioco in offensiva. Per cui gli abili e arruolati della Beneamata dovranno stringere chiappe e reparti e darci di olio di gomito, più che di cesello e fioretto. Speriamo in Milito che si sia ripreso dal Derby. Serve la sua cinicità sotto rete; servono le sue pere ora più che mai. Per il resto se qualcuno prende il largo e il volo; altri vedono lo spettro e il baratro ad un tiro di schioppo (già che siamo in periodo di caccia!!): se contro il Malaga confermano questa eccezionale continuità l’agricolo livornese fara’ le classiche valigie. Con mio estremo, sommo rammarico: ci stava abituando fin troppo bene.

Resta con noi Max….

QUEI..VALERI…AGGIUNTI

…PINK FLOYD…

Valterone Samuel ha sancito che con lui in campo le MERDE non sfondano le linee.

Valterone Samuel si porta a casa il 10° derby senza sconfitte.

Valterone Samuel, detto il MURO, ascolta prima di ogni stracittadina i Pink Floyd.

Valterone Samuel è nato nel 1978, cioè un anno prima che THE WALL ALBUM uscisse: i Pink Floyd avevano già in mente lui come soggetto principale del loro concept-album.

Valterone Samuel è calciatore argentino; ma all’occorrenza può diventare ligure, piemontese e abruzzese.

Valterone Samuel è una che la mette poco, ma quando capita, solitamente, coincide con vittoria annessa. E quando trattasi  di DERBY, la vittoria stessa aumenta il valore,(a volte anche i VALERI), aggiunto.

Valterone Samuel verrà santificato, a sua insaputa, nella villa di Scajola tra una decina di giorni.

Valterone Samuel si candiderà per le politiche del prossimo Marzo: fondando un partito a partire dall’aprile prossimo.

Valterone Samuel sa quando è il caso di commettere falli (anche evidenti): tramite teletrasporo di default, infatti,  riesce a mimetizzarsi ad arte da guardialinee incapaci e direttori di gioco casinisti e impreparati.

Valterone Samuel in occasione della pseuda-pera di Montolivo ha fischiato lui medesimo il presunto fallo di Emanuelson: deve queste capacità innaturali ad anni di studio nell’arte del VENTRILOQUISMO. 

Valterone Samuel ha costruito le piramide di Ciquennizza in tredici giorni e due ore, battendo il suo stesso record su quelle di Giza, di soli 22 minuti primi.

Valterone Samuel è un acceso tifoso del Milan…

 

0001b8fc3a9db6ecbb3c22f01604cd2f-68994-2949380efa673bd8c4523694a3f5f4dd.jpg

VALTERONE SAMUEL IN UNO DEI SUOI PIU’ RIUSCITI TRAVESTIMENTI


SIGNORE, SIGNORI: IL DERBY

…OTTOBRE…

Bene ci siamo. Vi agevolo su quelle che sono le statistiche, alla buona, sui derby di ottobre: lo dico subito, è una strage. Un’apoteosi. Un “non c’è partita”.

Ottobre è ROBA NOSTRA. 

Senza troppo enfatizzare a meno di 24 ore dal DERBY; e senza troppo menare sfiga, a partire dal 1930, il 26 di ottobre, è stata una bella sequenza di vittorie: senza spargere troppo sangue. Alcune sofferte; altre soffertissime. In tutto questo le MERDERSACHER riescono a vincere il loro primo derby ottobrino solo nel 1946 (giorno 20).

Piccolo dato (non so ancora se nega o posi) nella storia dei DERBY è la prima volta che si gioca il 7 di Ottobre. E speriamo sia data da RICORDARE…

L’ultimo giocato con l’arrivo dell’autunno fu il 28 ottobre 2006: la pera decisiva la mise Matrix. Poi fu un’enorme sofferenza sino alla fine: un cagotto multimediale che, inutile negarlo, ci colpi’ tutti alla stessa maniera, sino al triplice fischio. C’era il Mancio. Altra Inter. Stavamo sorgendo, e risorgendo…

TOTALE PARTITE IN OTTOBRE: 26 (due di Coppa Italia)

PERE CONCESSE: 30

PERE CONSEGNATE ALLE MERDE: 35

I RAGAZZI HANNO UMILIATO I CUGINI 12 VOLTE

ABBIAMO CONCESSO SOLO 6 ATTIMI DI GIOIA (MOMENTANEA) AI CUGINASTRI.

ALLA VOCE “ICS” CI SIAMO ADATTATI IN 8 CIRCOSTANZE

Ecco ambirei al, come dire, TREDICI..una volta nella vita..un cazzo di TREDICI….

 

photo.jpg


SECONDO SOLO A PIZZABALLA

…JULIONE…

Un altro pezzo che se ne va. Una parte della nostra storia recente che ci saluta: destinazione QPR…Dunque Londontown..Julione il paratutto continuerà a stupire al di la’ della Manica…Godranno da quelle parti nel vedere; nell’ammirare uno dei più grandi portieri degli ultimi 150 anni..Così è…Noi ci resettiamo l’estrema con Handanovic..Il QPR rischia di portarsi a casa, nei prossimi anni, trofei. Grazie anche a questo autentico e formidabile atleta…Con lui tra i pali si sapeva in anticipo che, nonostante la nostra difesa potesse avere dimenticanze, si sarebbe sofferto meno del solito…La parata più strepitosa: il rigore annullato a Dinho. Suggello e perla al contempo di un DERBY stravinto col cuore, con la tecnica e con le astuzie di Josè…Lo stadio ad incitare il suo nome…Il tripudio e l’ovazione a fine DERBY…Gli applausi a scena aperta furono soprattutto per lui..Per quella parata decisiva…Un pugno in faccia alle pretese dei RIPUGNANTI cugini…

Adesso il salto nel vuoto…. Forse. Handanovic, Castellazzi.. Ma soprattutto Belec. Giovane ma incisivo..Inesperto lo è..ma ha gia fatto vedere le sue qualità. Teniamolo d’occhio, cercando di valorizzarlo a dovere. Diamo possibilità e spazio a questo nostro giovane. Se lo merita…

Adesso, per continuare..un piccolo passo indietro:

Milan-Samp…

Cazzo hanno cominciato alla stragrande. Roboanti  come mai prima.. Lo dico senza negarlo: mi fanno quasi tenerezza. Sono riusciti a perdere nonostante Abate  fosse out..

Intanto soffrano un pelino..più o meno come noi lo scorso anno: cazzo ce l’hanno menata in lungo e in largo. Adesso la frittatina s’è, come dire, ribaltata.. Oh..chiaro all’inizio di ogni cosa siamo.. ma per loro c’è sempre tempo ( è una speranza, ovvio!!) per peggiorare..

NOI…

Cassano o no…in ogni caso sono piacevolmente sorpreso..A Pescara non era semplice. Prima di tutto perchè per NOI non lo è mai; secondariamente gli abruzzesi ci hanno impegnato, almeno fino alla prima pera subita. E con il rigore concesso per il fallo del Capitano, poteva cambiare la solfa.. Ma tant’è… Poi l’abbiamo dominata..Con gioco e spunti..E sempre puntando alla difesa avversaria..Mi pare di percepire un altro tipo di tendenza..( chiaro che verro’ smentito domani sera dopo le tre pere del Vaslui che svergandoci in casa andrà alla fase a gironi),,

Ultima annotazione:

un sincero, pacato, ragionato VAFFANCULOTROIA a SELENSENZALUCE.

La zoccola si era presa la briga di intervenire con commenti suoi all’interno del BLOG..Soprattutto (questi erano gli accordi) in fase di post-partita..

E allora,visto che siamo già in vetta al Torneo (gia questa è notizia da prima pagina sul TIMES), e vista la mia impossibilità di scrivere (causa vacanza), mi aspetto di rientrare e di trovare il post dedicato alla vittoria di Pescara…

E invece la mignotta (testuale da quì in poi) mi scrive che “ero indaffarata..all’incirca..come posso dire…si insomma..stavo scopando”..

Dico vacca modenese del cazzo: ciula, divertiti…Scopati anche la linea dei motori a Maranello  Ma poi scrivi..Stai ai patti…

lei invece in una mail tutta fuoco e ardore mi sottolinea il fatto che si, l’INTER è primaria importanza, ma relegata in secondo piano a certo tipo di piaceri goderecci..

ESONERATA ancor prima di cominciare..E ringrazia Galliani che non menziono online il tuo vero nome..Ma forse piu’ avanti……

 

0M9GZPHM--300x145.jpg


TI PATTEGGIO N’KOLOU

…VA COSI’…

Allora gente carichi e pronti per l’impresa di Spalato.Oramai ci siamo. Poche ore ci dividono da questa incertezza. Embhè concedetemelo: dubbi a riguardo ne avrei da sostenere e vendere al contempo. La formatia mi convince con riserva. Siamo all’inizio di non si sa bene cosa: a metà  tra il pesce e la carne. Una via di mezzo ricca d’incertezze e dubbi. Dall’altra parte ex-jugoslavi. Gente tosta, battagliera. La guardia non l’abbassano mai o quasi. Quì non c’entra la preparazione più o meno avanzata. Palle. Bisogna staccare subito col piede giusto. Partire con la convinzione adatta. Entrare subito con la testa che funzioni a regime. Testa e gambe. All’unisono. Portare a casa la pagnotta: sfruttando lo sfruttabile. Poi a San Siro (che immagino stracolmo e al limite della capienza: cioè io, il mio socio e forse Coutinho sulle tribune…si l’ho già declassato in vista del ritorno!!) sarà, come solito TUTTA UN’ALTRA DISFIDA..

Per intanto attendiamo…

Altri fronti, altre storie. Altri paradossi legati al futebol, anzi al legal-soccer. Cazzo nemmeno Grisham sarebbe in grado di inventarsi storie e avventure come quelle di Jack Parrukko Uscito dal Gruppo: in sintesi il medesimo un cazzo fece; mani pulite detiene. Limpida e cristallina est la sua coscienza…ma…ma…il MINKIA patteggia…Un paradosso del tutto incomprensibile. Stile Giuve..Mi ricorda certe “omelie” di Aldo Moro, anni ’70, che diceva tutto per nulla dire..Salvo poi uscire con illogici assiomi (“CONVERGENZE PARALLELE” ne è un fulgido e lungimirante esempio) che andavano a fortificare il non detto in precedenza cercando, con quella sintesi, di spiegare ore e ore di oratoria. Ecco Jack Parrukko mi ricorda questo genere di figuri: chiacchiere inutili, indisponenti. Fuorvianti.Un pour parler destinato, nelle migliori delle ipotesi, a chiarire la sua posizione. O così avrebbe dovuto essere… Ne ha le facoltà. E’ un suo innegabile diritto: ma lui cosa s’inventa…La via di mezzo (doroteiana memoria docet). Il pertugio adatto per salvare capra e cavoli; ma soprattutto le sue chiappette dorate: E allora PATTEGGIO sia…Tre mesi davanti a MEDIASET PREMIUM. Questa la sentenza (probabile). Questo il giudizio divino a cui sottostare dovrà: pena dura. Sorbirsi Piccinini…Bhe lo capisco…

Capitolo comico e ludico, dunque CPTAM…

Ci provarono con KAKA’. Voglio dire uno che la sfera la sapeva gestire, anche bene.. Ve lo ricordate…il NON SI VENDE KAKA’….Si proprio illo. Croce e delizia..Forse pronto, come figliol prodigo comanda, a rientrare al di quà del Lambro, forse.

Ci provarono con KAKABER…Solo tre letterine in più…Ma che tanto bene ci fecero…

Non paghi insistettero..E allora vai di ZLAT’AN…Oh..di riffa, di raffa sempre di retti e/o affini argomenti vanno a ciacolare i cuginastri…

E poi in ultimo lo strepitoso regalo di Chez Turatì: trattasi del gioiello transalpino N’KOLOU…Visto e letto così ci sarebbe poco o nulla da aggiungere..Visto e letto così..

Ma, ahimè, milanesizzandolo..cambia il sistema…Tremendamente.. Assumendo risvolti trasformabili (con l’affare in porto..) in epiche e leggendarie esposizioni da parte della Nord già a partire dal prossimo 7 ottobre, corrente anno…

Cugini…ci mancate, anzi no..!!

 

bayern-muenchen-v-olympique-de-marseille-uefa-champions-league-quarter-final-3.jpg



“MIA SQUADRA DEL CUORE”

…STIAMO ALL’ERTA…

Che notizione oggi a scuotere l’apatia canicolare di luglio:Thiago e Ibra che se la filano verso i Campi Elisi, e il nostro amato Jack Parrucco Uscito dal Gruppo che si sciroppa quattro ore di interrogatorio, causa casini soliti e noti a cui GOBBI e team periferici sono avvezzi.

Nel primo caso nulla di anomalo. L’aveva anticipato e l’amministratoredelegato, e il di lui presidente: i due sono INCEDIBILI. Cioè leggendo tra righe e virgolette oramai consone,  e al netto delle solite cazzate, erano già abbondantemente venduti. Proprio oggi (filiale di Cadorna della Intesa-San Paolo) mi sono imbattuto in un EROE. Un avversario, da considerare alla stregua di un KAMIKAZE nipponico: secondo blu, settore centrale. Duecento euri secchi-secchi per godersi più comodamente le amnesie di Abate, Nesta e Mexes nel prossimo derby allor quando avranno la disavventura di incrociare il Principe.. Soldi buttati. Gettati. Chiederei il rimborso già da ora: cioè il coglione-eroe spende la paghetta del papi in una sola botta, e in serata si trova il poker servito da una dirigenza che guarda più ai debiti Fininvest che agli interessi della società Milan. Dirigenza sempre più assonante a quella inetta di Corso Vittorio Emanuele..VI DICE qualcosa tale address..? E intanto il Cavaliere parla di un rientro anche in politica. Già visto. Gia’ sentito… Bravo, bene…ovvio BIS. Il pericolo di questa operazione da circa 70 milioni: concreto e possibile, il Milan che va gagnè la Champions 2013. Senza il mecenate-mercenario, ora tutto (ahimè) diviene fattibile.

Su Parrukko bypasso al momento. Stento a trovare aggettivi che qualifichino il soggetto. Stento a trovare parole immediate e illuminanti per raccontare l’inutilità di tale individuo: se non lo vedessi ogni santa domenica (sabato a volte) in tivi continuerei a pensare che dietro Parrukko si nasconda l’idea meravigliosa di Cesare Ragazzi…Poche idee, anzi quasi superflue per raccontare, almeno al momento le gesta di Jack e quella del  suo Monociglio presidenziale….Cazzo che coppia ben assortita, roba da Zelig degli ultimi anni..Andiamo ad attendere eventuali sentenze (moderatissime e inefficaci)..Sono erano e restano comunque intoccabili…La storia ce lo ha insegnato. La storia, purtoppo, spesso si ripete.

 

photo.jpg


GHOSTBLATTER

ANCHE QUESTA, CI TOLGONO…

Non sono bastati 40 anni di Democraziacristiana a sderenare e moralizzare a puntino questo bel paese; e non sono serviti all’italico popolo i successivi 20 anni di berusconismo(sic). edonista e misogino per defilarsi dall’intransigenza dei paolotti, anzi. Poi in ultimo la motosega Monti dell’ultimo periodo: bla, bla, bla, soprattutto con chi alla canna del gas ci è già arrivato, dimenticandosi, in parte o i toto del grande capitale, quello da tassare…E poi in ultimo arriva lui, il gran capo del calcio mondiale: entra a gamba tesa; travolgendo e stravolgendo (da dicembre prossimo) i meccanismi oleati e assodati del calcio. E occhio elettronico, sia dunque..Ma quanto si perderà in questo senso, ci avete pensato. Vi siete soffermati a riflettere. Vorrei arricchirvi aiutandomi con alcuni esempi; colti al volo, cotti a puntino: un mese abbondante e ritorneremo in clima campionato. Bene si ipotizzi che il Derby di Milano sia posizionato nelle prime giornate, ad esempio, alla terza. Primi di settembre, dunque. Andiamo avanti con le ipotesi: manca poco al fischio finale. Sul quattro a NIENTE in favore dei ragazzi (solito Milito, solito disorientato Abate!!) le Merde realizzano la classica pera dellla bandiera. Ma nello sviluppo dell’azione, non è chiaro se la palla effettivamente abbia o meno oltrepassato la linea di Cesar…(Handanovic, sorry). Stando sempre nel campo dell’ipotesi riportata possiamo anche aggiungere un classico: CHISSENEFREGA…Quattro pere le hanno intascate…Recriminazioni, proteste, insulti e distruzioni di massa, sono rimandate ad altre situazioni…Tergiversiamo e concediamo (magnanimi) il goal presunto agli odiati…Secondo esempio: siamo in affanno, avanti della classica peretta. Ma loro ci ossessionano. Siamo in overtime. Meno tre minuti e ce lo portiamo a casa, poi, il misfatto: Muntari la dirige verso i nostri sacri legni, vuole violarci, vuole vendicarsi…dentro, non dentro!!! Parte la consulta plenaria, Rizzoli chiede consulenza al giudice di linea. Che a sua volta la chiede al fotografo a bordo campo e in linea con la LINEA della porta. Il fotografo disorientato chiama a casa della famiglia Rizzoli. La figlia risponde, dice: passami quel pirla di mio padre. Rizzoli sentendosi amorevolmente interpellato arriva a bordo campo, non prima di espellere Stramaccions, che in romanesco l’ha irriso e ingiuriato pesantemente. Risponde, Rizzoli: “sono Rizzoli, chi parla”..Papà sei rincoglionito, sono tua figlia…Stai facendo un gran casino..Allora ho bloccato l’immagine sul nostro AQUO SHARP…la palla è dentro di 0,36miliimetri periodico. L’ho misurato con la squadra che mi hai regalato con il set completo nel natale del 2006..E ti ricordo, già che siamo in ballo, che è anche l’ultimo regalo che ho ricevuto…A quel punto, senza esitazione alcuna, Rizzoli contatta la Fornero prima, Monti poi. Chiede Rizzoli se l’assegnazione della pera ai cugini potrebbe avere ripercussioni sull’economia del paese e su eventuali risvolti sociali poco piacevoli. Non pago contatta Blatter (comodamente seduto sulla sua tazza hi-tech, giusto per espletare normali esigenze fisiologiche) via mail…Blatter lo manda a cagare…I tifosi sugli spalti nel frattempo socializzano: giocano a tressette col morto, chi studia, chi va su feisbuk. Qualcuno schiaccia un pisolo. Sono le 2am e finalmente, e in un lago di sudore, Rizzoli decreta goal e fine dell’incontro. Comincia la guerriglia: la Nord attacca su tre fronti. La Sud scappa su tre fronti…E’ un totale e completo casino.. Finisce all’alba con un’invasione di massa della Nord in casa Rizzoli: bersaglio da colpire e distruggere la Squadra della di lui figlia e lo SHARP da 88 pollici…Terzo esempio: Inter-Juve. Match decisivo per il campionato, diciamo, marzo 2013. Nuove regole introdotte. Passano pochi minuti. I gobbi la mettono, o sembra quantomeno così. Entra in gioco l’occhio bastardamente elettronico. Ovvio non ci pensa nemmeno: rete concessa. E risultato finale acquisito…Il giorno dopo in uno dei tanti luoghi di ritrovo di questo bel paese, un bar. Magari un Bar Sport. luogo mistico e non privo di rischi in giorni predisposti e determinati, soprattutto dopo un Inter-Juve così….

Ore 6,50am  clienti e avventori… Zero Gazzette o Tutto Sport che si voglia.. Volti anonimi, anemici..Distacco totale..Assenza totale…Silenzio….Regna uno strano e misterioso e incomprensibile silenzio..solo lo sferragliare dei cucchiaini..il tintinnare dei bicchieri di spremuta…lo smanettare dei baristi sui gruppi…Un caffè…Ristretto…Cappucio macchiato freddo…Latte con cacao….Cornetti alla crema…finiti?….Quanto pago…mmmmhh  Grazie…grazie a lei…

E’ solo una questione di linea…circa sette metri e 20..Ma che ci costerà cara..In termini di approccio, di socializzazione. d’incazzatura, perchè no..Ma è per il “bene” del calcio..E allora vogliamoci tutti “bene”…

 

gol fantasma.jpg


I BUSONI DI MILANELLO

…INCAZZATI COME UNA PARTICELLA…

Replica dura e forte da parte del CPTAM: prima Braida, poi lamministratoredelegato hanno fatto sentire la loro voce. Casus belli la scoperta della Particella di Dio da parte del CERN di Ginevra..Cazzo l’avessero mai annunciato: uno squarcio sopra i cieli di Milanello ha scosso il panorama mondiale della nomenklatura scientifica che conta. Oh, se la sono legata al dito. I due alfieri rossoneri hanno voluto (e dovuto) render noto e precisare, tramite comunicato stampa internazionale (quì noi nulla centriamo) che la suddetta e famigerata particella esiste non solo da 60 e spicci anni , in termini di ricerca ( così come asserito da Higgs e colleghi), ma bensì la si può far risalire all’incirca al 1899 (d.C. ovviamente). Posizione netta e senza remore quella dei due valenti portavoce del creatore riconosciuto (tempi non sospetti a riguardo) della Particella iniziale; la particella generatrice di ogni cosa, conosciuta e non, dunque anche in riferimento a fenomeni  più prossimi a noi, legata indissolubilmente al mistero del CPTAM.. 

Il vero punto nodale, per certi aspetti, è proprio questo: conoscere e cercare di approfondire studi e/o esperimenti per chiarire, se non del tutto, almeno parte di questo “mistero” che attanaglia l’umanità tutta da circa 113 anni. Nemmeno Giacobbo e i suoi potenti mezzi vi sono mai riusciti; in questo senso anche le sperimentazioni di Reti televisive affini e prossime a questo inossidabile mistero vi si sono mai minimamente avvicinate. 

Insieme al Graal e alle eruzioni cutanee di padre Pio rimane fonte di sperimentazione e ricerca…

Siamo solo agli albori di questo viaggio. Conocenze e tecnologie per spiegare questo “strano” fenomeno sono in fase di sviluppo..

Per il momento possiamo affermare che: il futuro non è più quello di una volta. Riguardo al passato, stiamo imparando a conoscerlo un pelino meglio…Passo dopo passo, particella dopo particella…

 

bosone.jpg