ORFANI

…DEL FUTURO…

Occorre proprio dirlo dai: a questo punto della vicenda non possiamo che sentirci ORFANI..

Orfani di Eto’o che ha preferito le palanche caucasiche dimenticandosi in fretta di quelle nostrane.

Non gliene vogliamo…ANZHI…quello che ha costruito e fatto in questi due anni è già fin troppo..Forse tuttosommato ha fiutato l’affare e, perchè no, un pelo di preveggenza sul futuro da queste parti lo deve avere aiutato in questa sua legittima scelta (a sette zeri o se si preferisce a OTTO CIFRE…)

Siamo ORFANI anche di uno che a queste longitudini verrà sempre, nei secoli a venire, VENERATO: lo Spescialuan ha dato convinzione e carattere. Ha distribuito pillole di furbizia e lezioni di NON GIOCO ai più elevati livelli; riuscendo in cose che verranno narrate per generazioni. Ci manca e molto…

Orfani, a breve, anche di Wesley…Altro faro illuminante; pilastro della mediana avanzata: AVANZATA, capito Casper-Gasper…

E mi chiedo rispettosamente, ovvio, del perchè ANCORA NON SI SIA DIVENTATI ORFANI di Goran...Una pera al Bayern ed una alle MERDE non possono essere sufficienti per trattenerlo ad Appiano…Ma Branca dall’alto della sua lungimiranza, si sa, come ragiona (e già uso una parola grossa)…

O forse, più semplicemente, siamo divenuti ORFANI di NOI STESSI…

Abbiamo un pelino smarrito la RETTA VIA…e in un certo modo stiamo rientrando nei ranghi..Ma non rientriamoci troppo in fretta…please…

Ora a sette giorni dal Campionato sarà tutta una faccenda molto più “seria”…

A noi non resta che “GODERCI” il BERLUSCONI, nel senso del Trofeo..Staremo a vedere chi delle due dovrà toccarsi (in caso di vittoria) i coglioni per le prossime 38 giornate…

Al momento i favoriti per questo auspicabile EVENTO sembrerebbero proprio gli ODIATI cugini, che hanno violentato il sacro manto del MEAZZA per celebrare la vittoria in SUPERCOPPA con dei geroglifici simili ai CROP CIRCLES…

ROBA DA GIACOBBO….

BERLUSCONI%201978[1].jpg

Nella foto il TROFEOBERLUSCONIPENSOSOERABBUIATO per la vittoria del MIlan

 

SEMPLICE

…INTER, AS USUAL…

Tuttosommato dovessi fermarmi un istante non posso, non me la sento di sindacare in modo negativo sulla stagione appena finita.

La squadra, nonostante l’avvio stentoreo, c’è.

E mi pare che in fin dei conti lo abbia dimostrato.

Campioni e valenti giocatori amalgamati armonicamente. Su tutti Eto’o, ovvio.

Iradiddio assoluta.

Uomo ovunque: dici dov’è Samuel…E’ li. No è a trequarti. Colcazzo è già in area.

No..no..sta festeggiando l’ennesima pera.

Insomma si riparte da quì. Da questa assoluta e innegabile certezza.

Dove si latita, parere strettamente privato, è nella dirigenza.

Cagate a iosa, non ultima quella di Sanchez.

Vedremo con Peppino Rossi come finirà.

Il vero punto debole.

L’anello mancante.

Con Branca the Dandy-one le cose non possono che peggiorare. Già si è preso il lusso di segare il PIPER…

Ha fatto carte false per portare alla Pinetina (tra gli altri) il Fenomeno Suazo…Strappato coi denti alla temibile concorrenza.

Per poi vedersi soffiare stile pivello El Nino dai catalani..

Il vero problema è che noi un fior di Direttore Tecnico; un dirigente col fiuto del talent-scout ce l’avremmo già a disposizione…

Senza troppo dannarci..

Il problema, dicevo, è che è anche il NOSTRO ALLENATORE..

Si entrerebbe, o forse si sconfinerebbe, nel classico conflitto di interessi…

Troppo cari alla nostra NOMENKLATURA partitica..

E, come si sa, è meglio evitare di mischiare la Politica con lo Sport, o no…?

 

samuel-eto-o10_367[1].jpg

StraordiMario, zeru tarjete amarilla

balo[1].JPGDi riffa o di raffa; e spingi a destra e poi a sinistra. Attacca centrale e rifliudifica di nuovo sulle fasce. Finalmente la pelota ha avuto il buon senso di depositarsi nella rete parmigiana. La prima volta grazie ad un golasso di Eto’o, uno di quei goal che valgono il prezzo del biglietto. La seconda, con il Parma votato all’attacco , su di un rapido contropiede – anzi no RIPARTENZA- Milito ( classe e precisione ) l’ha messa laddove Mirante  nulla poteva. Risultato tondo, risultato all’inglese : buon viatico per match che a breve riempiranno S.Siro come non mai.

Il Barca del Gitano Traditore e’ alle porte. I Catalani scenderanno da queste parti per vincere come e’ loro abitudine, noi dall’altra cercheremo di non piegarci di fronte all’armata blau-grana. Anzi. Eto’o e soci hanno dimostrato grande maturita’ tattica nella partita odierna con i parmigiani. Di piu’ la buona nuova della giornata e’ la capacita’ – non indifferente – di Supermario Balotelli di non essere finito sul taccuino dell’arbitro Rosetti. Piccolo passo per il delantero neroazzurro verso un ben augurante cambiamento caratteriale.ibrahimovic-bacia-la-maglia-barcellona[1].jpg 

Inter, un ” BARI ” previsto

Tutto come previsto. L’Inter parte con un pari alla sua prima di Campionato; esattamente come nelle due ultime edizioni.

Spenta, senza idee ma con un Quaresma formato Champions, l’undici dello spescialuan ha incamerato il primo suo punticino: sicuramente un po’ tirato, ma sempre punticino e’.

Con questa media si dovrebbe arrivare a, matematica canta, 38 punti : ergo dopo una sola giornata di campionato siamo gia’ in piena lotta per non retrocedere.

Una certezza, dunque, dalla quale ergere trampolini di lancio piu’ consoni.

Almeno si spera!!!12481975041229588860moratti2[1].jpg   Ecco un radioso Moratti all’uscita dallo stadio.milito18_367[1].jpg         L’esultanza del principe Milito al rigore trasformato da Eto’o!!!                                                                     

Monaco’ che fa rima con MILITO’

 El segna semper lu’, ve la ricordate; per diverso tempo e’ stata una canzoncina da stadio che in epoche diverse ha caratterizzato le esultanze dopo le reti di Ganz prima, di Julio Cruz, poi.

Ora ci vien da dire che il motivetto si puo’ dedicare al nuovo cannoniere neroazzurro Diego ” el Principe ” Milito, ancora una volta decisivo.

Gol d’autore alla Milito, anzi, per farla in barba ai transalpini, alla Milito’. Per quello che interessa l’altro attaccante interista, al momento, il non pervenuto e’ d’obbligo; aspettiamo con fiducia, pazienza e ottimismo, caratteristiche che certo non mancano al popolo bauscia.

Un segnale c’e’ pero’: dopo pochi minuti di gioco il fromboliere camerunense ha visto distaccarsi, dal suo petto, lo Scudetto “d’ordinanza”.

Che sia un segno ben augurante di obiettivi con grosse orecchie per la prossima estate?.

Staremo a vedere, siamo solo all’inizio, anzi per dirla tutta ancora “HA DA INIZZIA TUTT E’ COSE”.118727[1].jpg

Clamoroso Eto’o, Inter addio

Clamoroso Eto’o, Inter addio

 

Ed eccoci nuovamente di fronte all’ennesima tragicommedia in casa neroazzurra, il tanto aspettato momento dell’annuncio dell’asso camerunense come nuova bandiera interista si e’ risolta ancora prima di iniziare.
Nemmeno il tempo di sbarcare nel capoluogo lombardo, che il signor Samuel Eto’o, ha dato il ben servito ad un incredulo Moratti e soci.
Secondo alcune fonti vicine ai vertici di sponda neroazzurra il camerunense , ex attaccante blaugrana, avrebbe manifestato insoddisfazione nei confronti della “causa” interista gia’ in fase di decollo dall’aereoporto catalano; a meta’ strada, avrebbe chiesto al comandante dell’airbus di compiere una netta virata, direzione – come ovvio- Barcellona.
Sulle cause di questo incredibile ripensamento ad alta quota ci sarebbe l’esposizione di un presunto cartello da parte del pilota dell’airbus- sembra da indiscrezioni, di provata fede milanista- che riportava un’enigmatica frase che una volta chiarita al puntero africano, avrebbe indotto lo stesso al tentativo di ” ritirata”.
La scritta incriminata sembra addiritura esposta in dialetto milanese, tanto per complicare ancora di piu’ la vita al povero malcapitato : ” vi alter andì fora ai uttav”, che tradotta acquisterebbe un significato tipo : VOI USCITE AGLI OTTAVI.
Spiegato l’arcano messaggio, Eto’o, sempre stando alle fonti da noi contattate, sembra sia scoppiato in un pianto fanciullesco, al limite dell’isteria che ha avuto come risultato pero’ una piena presa di coscienza di quello che sarebbe potuto essere il suo futuro.
Immediatamente ha richiesto attraverso il suo legale, una buona uscita dall’airbus, e l’immediata cessazione del contratto con l’Internazionale F.C..
Una carriera breve dunque quella in neroazzurra da parte del camerunense, costellata da molte tribolazioni e pochi, pochissimi successi.
Per Eto’o ora le prospettive e le richieste da parte di altisonanti societa’non mancano, previa buonauscita anticipata, s’intende. Tra le prime a farsi avanti ci sarebbero gli acerrimi rivali dell’Inter.
I cugini rossoneri infatti avrebbero ammaliato il camerunense proponendogli un sostanzioso contratto e la possibilita’ di giocare almeno i quarti di Champions, offerta questa che ha indotto il nostro ad una immediata risposta affermativa.
Attualmente Eto’o, naturalizzato nigeriano in volo direttamente  dal comandante dell’aereomobile, si trova presso il collaudatissimo centro medico Milan Lab, per i controlli di rito.
La presentazione in ogni caso del formidabile ivoriano verra effettuata ad Appiano Gentile, come da contratto, salvo chiaramente una consistente BUONAUSCITA.
ibra_etoo[1].jpg