MALE OR FEMALE

…DUBBIO AMLETICO…

Ci sono un paio di problemini che ho visto ieri sera; il primo di ordine squisitamente (grazie Pizzul, sempre nel mio cuore) grammaticale. Penso a Cittadella, aggiungo Fluminense e non riesco ad orientarmi su quale cazzo di articolo, se maschile o femminile, anteporre innanzi al nome. La Cittadella? Il Cittadella? stesso discorso per la squadra carioca. Certo poco più che una sgambata. Quasi una routine con pratica archiviata felicemente. Ma come diavolo è possibile che nonostante routine e sgambate di vario genere, Samir rimanga tra i migliori in campo. Tre salvataggi strepitosi. E stiamo parlando di una formatia di Serie B. Insomma: tranquillità pari allo ZERO.

Secondo punto.

La mia ansia più remota, nonchè grande, è affidata al signor CICERO MOREIRA, meglio noto da queste parti con il nome di Jonathan: cazzo una sciagura la sua pera. I soui assist. Il suo fluido fluidificare di fascia. Ieri sera ricordava, alla lontana, i Maicon e i Brheme. Troppo pericoloso questo risveglio.

Quali rischi si corrono?

Molto semplice, la sua permanenza. 

Gente stiamo parlando di uno scarpone. Ne imbrocca una per fallarne cento. 

Cioè del tipo che ha più continuità quell’incapace di Abate ( a tal proposito, Milito per il derby dovrebbe essere a TUA disposizione).

Ed è dirla proprio tutta.

Cicero Moreira deve menare le tolle.

Altrimenti rimpiangeremo a breve termine il suo FLUIDO FLUIDIFICAR di fascia.

Ci tocca il Trapani. A dicembre. Il quattro. Giocando a San Siro dovremmo avere due validissimi alleati: terreno indurito dal ghiacciame di quei giorni; e freddo da spaccare il culo alle allodole. Due fattori questi che non dovrebbero favorire gli isolani. 

Non dovrebbero…forse.

E adesso Genoa, per noi…

 

189194-800.jpg

Grazie a FC INTER per il reperto storico.

COLPO MANCINO, ANZI DESTRO

…UNA STRAGE…

Una debacle. Un’ecatombe. Un’apocalisse. Segnano a raffica. A grappoli, cazzo nemmeno in Vietnam era così. Bypassiamo, e in fretta, questa merda di stagione. Proviamo a cliccare il taso DELETE. Proviamo, non è detto che si possa rimuovere l’orrore a cui stiamo assistendo da diverse settimane. Stanno segnando i CADAVERI, Alvarez, Jonathan, Rocchi. Sembra un segno del destino: realizzano e poi una pioggia di sberle sonanti, con o meno, aiutini arbitrali. Ma quelli sono alibi. Balle belle e buone su cui l’interista medio si arroca. La realta’, in questo momento visibile sotto gli occhi di tutti, è che abbiamo cazzeggiato sulla preparazione. C’è meno gente al pronto soccorso di Magenta che nella nostra infermeria. La realtà è che abbiamo stracazzeggiato sui rinforzi estivi, prima, invernali, poi. La realtà è che siamo, al momento, una squadra che sfiora, rasenta  la MERDA.  Infortuni o no siamo al limite del ridicolo. Appena si acchiappa  la pera si crolla. Gravitazionalmente. Avallando in pieno la legge di Newton. E mentre scrivo l’ENIGMA, a conferma di quanto detto, ha realizzato…Appunto…Segni del destino. Grottesco. Ironico. Molto, molto neroazzurro….

 

handanovic-destro-wide7.jpg



STRAMACCIONS

…MO’ HAI CAPITO…!!!

Caro Strama adesso dovresti esserci arrivato . Intendo dire, ora del 17 aprile corrente anno, dovresti saper porre rimedio in vista del ritorno di Coppa Italia. Certo mancherà il boemo, però con qualche accorgimento tattico, tipo almeno 6, 7 undicesimi del Cagliari in campo a Milano, dovremmo sfangarla contro i romanisti. Insomma, carta-canta, ieri all’Olimpico de Roma il Cagliari sembrava il Barca; la Roma, semplicemente la Roma.

Per cui, poche balle caro Stramaccions. Menate zero. Hai avuto tre, diconsi tre partite per capire come sderenare i romani. Hai avuto anche un certo tipo di rinforzi: chiesti ad hoc da te medesimo. 

Hai avuto ed hai tuttora la chance di dirigere la Beneamata; certo quasi a costo zero per la dirigenza, ma…come direbbe Zeman: DAJE…Ma daga denter de bun, cioè, tradotto per i non milanesi, desciulati, o se preferite, SVEGLIATI…

 

0MBJJIBL--630x365.jpg


TERREMOTO DE ROMA

…E FINALE SIA…

Oh gente ma avete visto come si gioca al futebol eh…Insomma mica paglia. Roba fina. Prima qualità.

Schiacciati. Annientati. Distrutti. E siccome si è in ballo con eufemismi vari: piastrellati stile Pozzi & Ginori.

Cioè, ennesima finale. Annus mirabilis…

Si vabbeh ci sarebbero da conteggiare  due pali tipo pinball wizard; e si aggiungano due interventi di Julio alla CESAR.

E mettiamoci anche una sterile supremazia, almeno nei primi 45′.

Esagerando avrebbero anche meritato “quel” qualcosa in più.

Al netto, insomma, i ragazzi entrano in Finale, “limpidamente”. Pace-maker permettendo, ovviamente.

E mentre noi depositiamo le nostre chiappe sacre nella 134a Finale di fila, gli “ALTRI” completano l’OPERA. Alla loro maniera.

Consiglio: per le DOPPIETTE, ragazzi, prendetevi una bella confezione di VIAGRA.

Per le TRIPLETTE, semplicemente, chiedete ai vostri CUGINI.

Chiuso…nice nite…

INTER%20CENTENARIO%203_1[1].gif