L’ULTIMA FATTORIA

…SAN SIRO FARMERAMA..

Ho sentito di cose che voi, e noi, umani mai abbiamo udito. Ho sentito di AGRICOLI livornesi che vanno lamentandosi per risultati là a nord nelle profonde depressioni neederlandesi. Ho sentito di gente che non accetta il risultato per come è venuto. Statistiche alla mano la presunta superiorità dei merdinaspray è limitata a poco più di una sterile supremazia di palla. Statistiche alla mano, il FASCIO ABBIATI, aldilà della cagata vista in mondovisione URBI ET ORBI. ha lavorato con straordinari, pagati.

Statistiche alla mano la ENVENCIBLE ARMADA RUBLONEGRA poteva acchiapparne almeno un altro paio.

Statistiche alla mano c’è un ritorno. 

Altri 90 minuti che, non venissero condizionati da arbitri “compiacenti” e dai probabili tuffi degni della Cagnotto nei pressi dell’area,  ci dovrebbero garantire divertimento nel vedere queste MERDEPLANETARIE soffrire ancora un pohetto (alla livornese, con hacca aspirata!!).

Quelli corrono come degli ossessi. La loro linea difensiva messa insieme in termini d’età, dà come risultato, quasi gli anni di Abbiati.

Aspettiamocene delle belle. Noi ci crediamo. Alla peggio che vi possa andare c’è sempre FARMERAMA, su Facebook.

 

imgres.jpg



PECORIZZATI

…GLI UOMINI CHE FECERO L’IMPRESA…

Molto semplicemente, NON LA FECERO….

Bene signori sono rientrato. Solo ora…Si proprio in questo istante, dopo ben 14 ore di coda tra via Piccolomini e via dell’ippodromo, entrambe zona San Siro…

E ovviamente dopo aver assistito ai supplementari, ai calci di rigore –  ad oltranza – e ad un  torneo di Ramino per decidere chi tra OM e INTER dovesse accedere ai quarti..

Beh sappiamo, ora, come è andata..

Insomma, abili e NON arruolati…Non ce la meritiamo l’èlite delle prime otto. Per niente.

Polli, lessi, brasati e cotti a puntino.

Evanescenti, impalpabili e, in certi frangenti, indisponenti..

E il  tutto per soli 15,00€… chi può davvero darti di più…

Terzo verde, con aggiunta di reti spesse un chilometro e visibilità offuscata – per quel poco che c’è stato da vedere.

Fondamentalmente se devo entrare nel merito squisitamente tecnico-tattico, beh, ci hanno presi letteralmente per il CULO. Con percentuali (causa-effetto) mostruose: due tiri nitidi, due pere, anch’esse molto, molto NITIDE.. Con particolari affinità e propensioni a metterla negli ultimi secondi di gioco…

Insomma la GIRA MINGA…

Non è mai girata, obiettivamente…

Semplicemente la sintesi è presto fatta: loro ai 4i; noi, se andrà bene ( e sarebbe già tanto) entreremo nella vecchia e cara coppa UEFA..

Quindici euri buttati dunque..?

Forse si…ma che bello (IRONICO, ovvio) vedere uno scarto dello Shaktar (panchinaro fisso) silurare grazie al contributo di due ombre (Lucio und Samuel) il nostro Julione e godersela alla nostra faccia (a quel punto inebetita)…Meritandosela la qualifica…Senza nulla asportare indebitamente..Semplici, lineari…Senza fronzoli… Ci hanno ridicolizzato senza (ecco il paradosso) fare un emerito CAZZO…

E noi gielo abbiamo concesso…semplicemente…

Unica misera consolazione: Maggio è alle porte, quello del Napoli invece negli spogliatoi di Stamford’s Bridge..

La curva è arrivata nella sua fase più discendente: Alfa-Omega..

Agli sgoccioli siamo. Con o senza le lacrime ( o presunti tali ) del Restauratore..

Con o senza questa dirigenza bislacca. Onestamente stiamo troieggiando più o meno da Agosto..Recidivi e più. Diamogli pure la condizionale, ma lontano da San Siro. Faraway from Appiano.

E poi la squadra: a salvarsi Obi tutta la vita. Poli con benefici di dubbio..E poco, pochissimo altro.

La remuntada non è cosa nostra. Non ci appartiene.

In tutto questo orrore calcistico, ieri anche un momento ludico, insomma l’attimo ZELIG della serata. A regalarcelo un funanbolico Forlan: strepitoso durante un incredibile assist offerto dal genio uruguajo ad una ZOLLA del prato di San Siro. Colta in controtempo e incapace di sfruttare l’occasione…

CHIUSA QUI’ PER OGGI, anzi, FERME’….

 

d1e0645cca79f9b62203fda3833bcb4f-1331672645.jpg

(Ranieri indica a Forlan qual è la ZOLLA da servire)

 

STIMOLI

…COMME LA GIUVE’, VOUS ETES COMME LA GIUVE’….

Ma ve lo immaginate un coro di siffatte proporzioni cantato dai “franciacorta”…

Al limite della derisione, sfiorando l’offesa e il vilipendio calcistico…

Per evitarlo si necessita di PRESTATIO MAJOR…

Del resto se a Parigi chiedi:” Scusi sa dov’è Marsiglia….?”

Il parigino prima ci pensa, poi per sfregio (e snobismo)  ti risponde con la dovuta galanteria:” Attenda, chiedo a quel signore inglese..”

E’ tutto dire…

Noi, per averla passata, sappiamo perfettamente dove sia Marsiglia…

Abbiamo provato anche questa…

Tante. Troppe rane mandate giù a forza in questa travagliata stagione…

Forse però l’ora è giunta….

Digeriamole e cachiamole fuori queste rane malefiche…

Evitando che ci piovano addosso….

 

111736ad077c43fbd64ccb02d1ae_grande[1].jpg

Il presidente scruta il cielo, come Mercalli, in attesa di eventi e fenomeni del tutto straordinari…

 

RIO DE MARSEILLE

…PER LA PRECISIONE…

Marsiglia dista da Milano esattamente 522 Km secondo GUGL MAEPS…

Da Tangeri, circa 1750 km.

Vladivostock e Marsiglia sono separate da 12869 km. Pensavo meno…

Lo stadio di Marsiglia, il mitico Velodrome, approssitavamente è distante dall’uscio di casa mia 509 km.

Marco Brancà è nato (a sua insaputa) nei pressi di Avignone. La sua richiesta era di nascere su un mercantile in approdo, e battente bandiera panamense, nel porto di Marsiglia. S’è talmente incazzato dopo aver appreso la notizia che per vendetta è diventato direttore dell’area tecnica di una società calcistica meneghina.

A Marsiglia, oltre al sapone, producono il MARS.

Izzo ha raccontato straordinariamente e con una trilogia strepitosa i bassifondi di Marseille: a confronto Larsson e altre presunte trilogie del genere sono delle tremende cazzate planetarie. Izzo era tifoso del Lille.

L’ OM è in Champions League. Anche noi lo siamo. L’Om è allenato da un ex-gobbo. E per non essere da meno anche noi abbiamo un ex- bianconero come mister..

L’OM, nonostante Deschamps, è una formazione che può ritenersi, legittimamente,  di possedere un allenatore…

Secondo fonti e dati statistici, l’OM ha il 73,33% periodico di passare il turno.

A noi ci rimane solo il PERIODICO…

Se vai sul nuovo palazzo della Regione in corso Melchiorre Gioia e sali sino all’ultimo piano..rischi di vedere il porto di Marsiglia. Fatta eccezione se costruiscono davanti alla tua visuale il nuovo poster pubblicitario di Armani…

Giorgio tiferà Marseille, nonostante, i francesi amino più Dior

Giorgio Armani è un pò stronzò.

Muntari ha dichiarato che se servirà darà una mano……al Marsiglia.

 

corcovado-sugarloaf[1].jpg

LO SKYLINE DI MARSEILLE…visto dal CORCOVADO

MARSEILLE

…SORTEGGIO’…

E allora rieccoci oltralpe…Questa volta un pelino più vicini a casa: Marsiglia.

Provenza piena, bella zona senza dubbio..Da quelle parti l’idioma occitano regna incontrastato…

Seconda città della Francia per estensione demografica; se la gioca sempre a sud con Lione…

A Marsiglia si parla il marsigliese; c’è il porto, il mare. Se siete fortunati potete vedere anche i pesci, tanti… Nei pressi della città gole e canyon meravigliosi sono palestre per gli scalatori di climbing..

La città è tra le più importanti dal punto di vista commerciale: strategicamente luogo di passagio per ogni dove: mercantili, baleniere, velieri e navi d diporto fanno la spola sui moli, trasportando merci ovunque nel mondo, anche a Civitanova Marche a volte…

A Marsiglia nevica di rado; piove il giusto e la gente in questi casi è solita ripararsi con ombrelli e cappelli stile baseball della squadra di casa, che vi ricordo risponde al nome di Olimpique Marseille.

Marsiglia è una ridente e fiorente città del sud…No questo l’ho già esposto…

A Marsiglia, nonostante il nome, c’è anche la metropolitana: con tutto il necessarie per potersi spostare. Fermate a iosa, tranne QT8 e Bonola…Per il resto le altre riprendono le tre linee della MM…(metropolitana milanese)

Zinedine Zidane è un tipo di Marseille con brutte abitudini, ma ancora lui non lo sa. Gli hanno fatto credere per anni di essere di Montpelier e a lui è andata bene così…

Marsiglia è autoctona, ma anche no..

Servizi impeccabili; gente simpatica e pochi pochissimi problemi..Tutto è altamente funzionale. La gente paga le tasse. e si diverte nei casinò di Montecarlo o LA7….

Il sindaco di Marsiglia è stato eletto con i voti anche di Rennes le Chateaux, e per questo Voyager di Giacobbo ha iniziato un’indagine approfondita sui perchè e sui per come della vicenda: puntata speciale ora in onda…

Tecnologizzata più e anche di Imperia, Marsiglia nel corso della sua lunga e variegata storia, NON HA MAI, e ribadisco MAI

 SUBITO UN BLACK-OUT…

MAI

Però prendete questa informazione con le pinze. La certezza assoluta non ve la posso fornire…

 

imgres.jpg

galliani-vellutato.jpg

 

 

ALLONS ENFANT A’ LA BAST-LILLE

...EN FRANCE...

Insomma nella giornata degli sterili 0-0 come sempre siamo riusciti a dare un segno di indistinguibile diversità. Egocentrici per natura, differenti per DNA, la letale armata neroazzurra si è distinta per classe, qualità e gusto del grottesco.Risultato evidente agli occhi di tutti: uno sbando collettivo che va al di la degli errori arbitrali.Sotto l’Etna ci hanno dominato: tecnicamente, tatticamente e fisicamente.Il meccanismo si è rotto. E’inutile negarlo. Ci sono personaggi che vagano nel campo con lo stile degli zombie alla ricerca della pelota, ed anche di se stessi..Alvarez, Stankovic, Lucio. Solo per citarne alcuni. Lamadonna è mai possibile che a bocce ferme il migliore in campo, tra l’altro una vera e propria risaia, sia stato il Capitano..Va bene le defezioni. Ci sta. Ma non può e non deve essere presa come scusa campale, come centro di ogni nostro problema. Quì si è smarrita la retta via. Da mò…Con tutto questo andiamo a giocarci una partita determinante contro una squadra che fa della velocità il fulcro determinante del proprio gioco: delle vere e proprie schegge sulle fasce. Con una, anzi due, tremende aggravanti; anzi a ben pensarci le varianti sarebbero tre: Hazard che di nome fa Eden (paradisiaco trequartista e fantasista, eletto miglior giocatore di Francia lo scorso campionato, potrebbe bastare!!); Joe Cole, una vita nel Chelsea di Mou prima, di Carletto poi; venuto a chiudere la sua carriera (proprio ora) nel Lille; Moussa Sow, autentica iradiddio. Mettipera a raffica. Lo scorso campionato ne ha fatti più di Eto’o. Al centro dell’area letale con tutte le sue protuberanze, beh non proprio tutte. Con tutto questo, dunque, ci si appresta a cosa?..Sono, come solito, due le aspettative ( non di più, almeno quando di Inter si ciacola) 😮 memorabile figura di merda (con messa in discussione, scommetterei, anche di Ranieri); oppure avviciniamoci ad un altro evento da Inter, magari stile Allianz. Una speranza, ovvio. Ma al momento visto la situatia ci rimane solo quella..Al momento…

Lille_OSC_logo.png

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla Prima Lettera di Massimo ai suoi discepoli

…POSTE ITALIANE…

Oggi il presidente Moratti ha inviato una lettera alla squadra a nemmeno 24 ore dall’eleminazione dai quarti di Champions ad opera degli IRRESISTIBILI tedeschi dello Schalke 04.

Una lettera piena in ogni caso di stima, affetto e ammirazione nei confronti dei ragazzi. Fautori di una stagione ricca d’imprese e soddisfazioni, in una parola: indimenticabile.

Questo l’attestato di stima apparso sul sito ufficiale dell’Inter FC:

“Vorrei oggi ringraziare la mia squadra, tutti i giocatori che negli ultimi anni, e anche nell’attuale, hanno portato a tutti i tifosi interisti, me compreso, tanta gioia e i successi dei quali siamo e saremo sempre orgogliosi.
Nella certezza di ritrovare la forza e la qualità che conosciamo per raggiungere i prestigiosi obiettivi che ci attendono anche quest’anno, sono convinto che, insieme ai tifosi, l’allenatore e la squadra sapranno regalarci ancora altre soddisfazioni”.

Ufficio Stampa

E questa a seguire che vi propongo è la sua prima istintiva stesura. Chiaramente è da classificarsi come reperto TOP-SECRET:
” Razza di coglioni sottosviluppati che non siete altro. Vi siete fatti beffare da quattro mangia patate della filiberta. Avevamo un’occasione più unica che rara: disputare una Finale di Coppa Campioni ( si noti lo stile retrò del presidente, ancora ancorato a vecchi schemi linguistici e, di conseguenza, ad immagini non ancora TRIDIMENSIONALI, bensì in bianco e nero) dopo la vittoria dello scorso anno. Anzi, cazzo dico, un anno solare ancora non è passato, razza d’idioti. Nemmeno 365 siamo riusciti a resistere. Figura di merda planetaria. Altro che primo posto nel ranking mondiale per Clubs (inglesismo perfetto del presidente, quasi meglio delle noiosissime english lessons di severgniniana memoria). Ci toccherà, se non vi date una smossa, vedercela con il Turun Palloseura per il turno preliminare del prossimo anno.
Non se ne salva uno di voi: a partire dai regali di una difesa marmorea. Lucio, Ranocchia e anche lei signor colosso: più fermi dell’esercito di terracotta giapponese (errore marchiano, dovuto certamente ad una non perfetta conoscenza dell’ambito storico-geografico internazionale).
Del centrocampo non parlo. Siete bolliti. Cotti. Brasati. Di questi tempi rende di più il Feralsipalo.
La zona offensiva poi mi è parsa OFFENSIVA solo a parole. Annientati da difensori dediti a questo sport solo perchè incapaci di trovare uno spazio adeguato nella formazione di Germania 2 ( si allude in questo preciso istante al BOB a QUATTRO, sport dove i teutonici sono maestri ).
E poi lei signor Leonardo. Un’illusione, estemporanea. Forte con le deboli. Mediocre con le pari livello.
Ah, ci fosse ancora LUI, ci fosse ancora LUI…(lasciamo in sospeso ogni eventuale riferimento a personaggi realmente  esistiti. Al momento non si è in grado di identificare con certosina precisione a chi alluda Moratti: se a nostalgiche inflessioni di carattere squisitamente politico-reazionario; ovvero si riferisca ad un recentissimo passato caratterizzato da PRESENZE lusitane).
e7e08a7fa356e06647bd4536e081d068-43497-46d0d2d6a80d48706aa3d793de24ca67.jpg
Moratti consegna personalmente la missiva, non fidandosi dei tempi di consegna delle Poste Italiane…