DOPO ROMA vs INTER

DICHIARAZIONI STRINGATE

WANDA NARA: ” il FALLO c’era..”

UOLTER MASSARRI: ” Inter, pratica” traduzione: in pratica la solita Inter

ERIK THOHIR: ” il trend ci porterà a soluzioni di business-programm consone al marketing che ci siamo imposti”

MAXI LOPEZ: ”  riguardo al FALLO posso confermare, Wanda sa di cosa parla”

DE ROSSI: ” quando ho visto cuan gesus colpire Romagnoli me sò infervorato e ho chiesto er FALLO de rigore”

WANDA NARA BIS: ” ho visto anche io il FALLO di Juan Jesus”

20140107_c5_wanda_nara_-_2

DICHIARAZIONE D’INTENTI

POLITICHESE NEROAZZURRO

MAZZARRI: Sono già in clima partita

THOHIR: Ho parlato con Zanetti, Mazzarri, Ausilio. Ho visto gli allenamenti, ora devo capire quale era la nostra squadra. Comunque il business manageriale prosegue, restando nei parametri di marketing che ci eravamo prefissati. Il Know-how c’è. A proposito giochiamo in casa domani..?

SAU: Quì ho già segnato una doppietta

ANGELA RENZI: Continuerò a fare la mamma, a Matteo..

RENZI, MATTEO: Fare, fare, fare..

LETTA: in culo, in culo, in culo..

images

CONSULTAZIONI

RENZI

Prima sconfitta elettorale da nuovo presidente del consiglio. Non incassa la fiducia. Ma una pera di Maurito, quella si. Con gran pace di detrattori, avversari e della Wanda. I Della Valle per la prossima in casa lasceranno il posto i tribuna, destinato a Matteone, vacante:” male che vada – commenta Of the Valley senior- lo riserviamo a Brunetta.”

r_9939166db3

JESSICA FLETCHER

GIUSTO PER NON DIMENTICARE

IL PALLONE E’ QUELLO GIALLO…Ricorderete tutti. Immagino proprio di si. Come dimenticare quell’umiliazione. Certo manca Rossi. Gomez rientra con acciacchi. Valero se la guarda dalla tribuna. Certo, importante è anche la defezione di Antognoni, Picchio De Sisti e Batistuta..Noi invece difettiamo in squadra;  nel senso che ancora si cerca una quadra (eviterei un Quadrado) Una quadra senza ESSE. All’incirca quello che siamo, ora. Resta quel margine d’orgoglio. Infiliamolo in campo, o alla peggio, in uno dei cessi del Franchi…

b4415b3f51685197d11eb48e0e44a71e-24974-46d0d2d6a80d48706aa3d793de24ca67

IL GIALLO DI SAN SIRO

…MYSTERIUM INIQUITATIS…

Dai diciamocelo in tutta onestà, c’è un che di misterioso nella prima del Meazza: sia chiaro che non mi sto riferendo al quasi goal di Cicero, e al di suo assist in occasione della pera nipponica. Oltremodo non mi riferisco alla novità del gioco (soprattutto nella seconda parte) sulle fascie, dove il Giap e il Cicero hanno detto la loro. E nemmeno al PRESSING, ai raddoppi. Addirittura in certi frangenti ad un pallido tentativo (ben riuscito però) di marcatura ad uomo. Trapattoni, nonostante tutto, gravità sempre sul Meazza quando sul campo ci siamo noi.

La sorpresa, l’incredulità, nascono dall’INOPEROSITA’ di SAMIR. Cazzo SENZA VOTO. A mia memoria non capitava dai tempi di Sarti, Burgnich, Facchetti…beh, andate avanti voi, dovreste conoscerlo a memoria questo “ritornello”.

Cose mai viste, almeno negli ultimi due anni a San Siro.

Casa nostra era diventata terra di conquiste: Sau e compagnia ci hanno svergato a dovere nella scorsa stagione; è un bene non dimenticarlo. Resta però il fatto che Campagnaro dispensa fiducia; ne consegue che Ranocchia e Jesus traggano enormi benefici in sicurezza. Ne consegue ulteriromente che chi è comodamente seduto a casa; o ha avuto l’enorme coraggio di sedersi sugli spalti, ne esca senza traumi psico-emotivi. Un bel passo. Un modo intelligente di avviare il sistema. Ne mancano 33.

Ma rimango convinto che si ridurranno, drasticamente, uso di medicinali impropri, pre e dopo match. Così come dovrebbero ridursi l’uso smodato di paglie coadiuvanti e anti-stress.

Forse, questo anno calcistico mi porterà a smettere di fumare, forse.

 

Italy_So_103539--473x264.JPG

Nello scatto Samir che si guardava Milan-Inter, durante il match di ieri.

MA VA IN MONA

…ABBASSIAMO I TONI…

Beh chi ben comincia è già a metà dell’opera. E visto che di Verona trattasi, città scaligera e rinomata per le sue opere all’Arena, direi che le MERDINE ci stanno già facendo, quantomeno, sorridere.

Come le GARZE, attenzione NON GAZZE (ladre): STERILI. 

Solo Balo ci ha provato seriamente a raddrizzarla: appena al limite ricordava il Pavel delle migliori giornate savoiarde. Per il resto, poco e nulla. Forse le MERDINE avevano già la loro sacra testolina al PSV. 

Ma questa è una scusante che a breve, in conferenza stampa, l’agricolo livornese utilizzerà, comme d’habitude, come alibi. Stessa scusante, stesse spiegazioni, poi, arriveranno dai “giornalisti” schierati di MEDIASET. Tutti a giustificare che “è solo una mezza partenza falsa”

La realtà è che hanno giocato di merda. L’Hellas li ha umiliati. Subissati. Toni sembrava Lewandosky. 

Continuamo così….Facciamoci del bene…

 

2013-08-24T164330Z_485088400_GM1E98P01Y801_RTRMADP_3_SOCCER-ITALY--630x365.JPG




GENOA, PER NOI

…TEMPO DI TEMPORADA…

Milano, domenica, ore 18,00.

Tocca a noi. Davanti i belin rossoblu. Con loro sono 60 quelle giocate a Milano. Nel dettaglio 36 sono le volte che li abbiamo svergati. Dodici i pareggi, e altrettante le sconfitte; 121 le volte che hanno raccolto la palla nel sacco. In 60 occasioni, ahimè è toccata a noi.

A Milano la prima fu nel 1909, finì 2-0 per noi. Poi siccome davanti c’era il Grande Genoa sino al 1923 furono successi solo rossoblu.

Spiccano le nove pere rifilate ai genoani nel dicembre del 1945. 

L’ultima volta del Genoa vincente risale alla stagione ’93/’94 :1-3, con doppietta di Ruotolo.

Detto questo si torna a fare un po’ i coglioni.

Allora Eto’o. Alla fine sono e saranno quisquiglie di  mercato. Il Leone di Lambrate si accaserà al Chelsea (intendendo la squadra londinese. nessun riferimento a Bradley Manning e/o alle sue pretese ormonali); probabile anche il contatto con il Man. Utd.. Oppure svernerà nelle steppe russe. Difficile, se non impossibile, il suo ritrasferimento da questa parte del Naviglio.

Certo avvenisse ho pronto in tasca la somma almeno per un terzo anello verde. Con Samuel a San Siro, là davanti,  le cose cambierebbero. E non poco. 

Gli abbonamenti avrebbero un’impennata esponenziale.

Fantacalcio, o fantascienza, staremo a vedere. Certo che se Erick l’indonesiano volesse anticipare termini e, soprattutto, grana il passaggio non resterebbe un ipotetico miraggio.

Ancora poche ore e poi sapremo. Bisogna partire col piede stragiusto, questa volta. Niente cagate. Niente paure e ansie. Metterla, di riffa o di raffa. Segnare e evitare di far fare bella figura (troppe volte è successo lo scorso e anche in parte questo anno) a Samir.

Lo voglio, lo vorrei, non operativo Un classico SENZA VOTO, insomma.Di più: non inserito nella formatia di Fantacalcio di Repubblica!. Giusto per mettermi in pari con il rischio infarti, patito costantemente la scorsa stagione.

La parola al campo e vinca il migliore…

cieè..

NOI…

 

w0ngo8.png


SAMPDORIA VS INTER

…MALTEMPO…QUELLO CHE CI VOLEVA…

Causa neve, pioggia, vento e sciagure di varia natura meteorlogica la sfida tra blucerchiati e beneamati si disputerà presso il traforo del Frejius. Da quelle parti ci sono temperature apprezzabili (circa 19 gradi centigradi). Il tasso di umidità è accettabile. E il terreno (in leggera pendenza) non presenta amenità ed è in perfette condizioni.
 Arbitrerà il match Reinhold Messner, coadiuvato da Simone Moro e Ed Viesturs.

 

images.jpg


NELLA TANA DEL GOBBO

…TOCCA A NOI…

Allora diciamolo subito: rigore discutibile, cioè si può dare. Forse l’espulsione del castiga-MERDE mi pare eccessiva. Detto questo al settantesimo circa sembrava di essere al vecchio Marassi: con i Grifoni che uccellavano i blucerchiati.. Una sinergia che sta portando tanti frutti quella degli ex-genoani  migrati alla Beneamata. Tanta roba insomma. Milito che cerca Palacio; Palacio che trova il Principe e Cassanone-nostro che trova entrambi. Un bel mix di belini genovesi che si sono ritrovati. Senza dimenticare la forma di Froggy nella retroguardia; forma, come dire, andata un pelo a troie in occasione della pera doriana: ma poi subito rimossa e cancellata, con testa e gambe, da una prestatia eccelsa. Buon viatico per il covo dei GOBBI. Insomma ci ritroviamo (forse senza nemmeno lontanamente sperarlo) a quattro distanze dai falsi e cortesi. Uno sputo o poco ci manca. A testa alta si và da quelle parti , consci che qualcosa si può e ( perchè no) si deve fare.  Secondo me loro saranno più cagati in mano; sono loro a tirare le fila. Guardano tutti dall’alto. E a perderci, eventualmente, sarebbero proprio i Gobbastri in caso di risultato sfavorevole. Dovessi reinventarmi bookmaker  verdrei i merdosi in leggero vantaggio: opteri per un pari. La nostra vittoria la terrei decisamente più alta come quota: poi il dio-pallone riesce sempre a sorprendere; a deridere pronostici e previsioni. Al momento andiamo verso Torino con un margine di concretezza e sicurezza  elevato. Sappiamo per certo che NON arbitrerà Ceccarini; sappiamo con enorme anticipo che nè Juliano, nè Ronaldo potranno cimentarsi; sappiamo che mostreranno e scudetti (a loro giudizio, dunque insindacabile) e trofei defraudati; sappiamo che è ora di ridimensionarli. Adesso, quì…E senza aspettare la pubblicità (cit.)

 

inter-sampdoria-formazioni-diretta.jpg

SVERGINIAMOLI!!!!!!!

Ultima annotazione:

la classifica parla chiaro…

Gobbi 28

Noi 24

‘O napule 22

Il 28 juventino è da leggersi, ovviamente, come 30…ovviamente