DC WASHINGTON, PHILAPELPHIA 76ERS, INTER FC

…Erik il vichingo di Jakarta…

Money, danè, soldi, grana, palanche..

Ne arriverranno a frotte. Roba da crederci poco da queste parti. Mercato operativo. C’è solo da investirli. C’è solo da portare a casa, come si dice adesso, il top-player.

Solitamente uno che sappia metterla. Alla fine quello che conta è insaccarla; svergare gli avversari. Giocando alla cazzo: chissenefrega. E allora ce ne sono un fottio di nomi da leccarsi baffi, orecchie e affini. Ma conoscendo la lungimiranza strategica che si respira da questa parte del naviglio, tradotto, Branca e soci per capirci, il top-player in arrivo potrebbe non essere, come dire, propriamente adatto e/o adattabile al famoso giuoco del calcio.

Sappiate che a Branca ancora non è chiaro che un pallone è si sferico, ma può essere utilizzato in molte maniere e in modi diversi: ecco nascere dunque l’interessamento (sempre ricordandoci della sua eccelsa lungimiranza) di tale Thaddeus Young.

Direte, chicazzoèthaddeusyoung..?

Per mettere le mani avanti e ingraziarsi, nonchè imbrodarsi, il magnate Indo-vichingo il lacchè di Corso Vitt. Emanuele, ha proposto ai PHILADELPHIA 76ers l’arrivo del tanto auspicato esterno, ovvero, ala.

Grottesco a parte ( oh c’è gente che s’incazza e ci crede in quel che scrivo. Cioè se la prende. AMICO STILLIZ la vivi male la tua vita..riprenditi, o se proprio non ce la fai, abbonati al MILAN), auspichiamo due cose essenziali, la stagione è alle porte: Thoihr cambi i colori sociali dei  DC Washington (franchigia del SOCCER come lo chiamano gli Yankees di sua appartenenza), abbiamo già avuto una stagione pessima con maglie e colori che non ci riguardano; secondariamente, un pensierino per Branca: lassa stà. Lascia perdere. Non è affare tuo. Annullati. Sparisci. La Nord lo scorso anno ti-vi ha contestato con garbo, decenza e anche civiltà.

Lo scorso anno.

NON QUESTO.

 

act_thaddeus_young.jpg


DC WASHINGTON, PHILAPELPHIA 76ERS, INTER FCultima modifica: 2013-06-29T19:35:00+02:00da bjuniors
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento