VINCENZINO E LA FABBRICA

SE ME LO DICEVI PRIMA

No dico vaccaloggiabrutaporca ma è questa la maniera di fare; senza un avviso, senza nemmeno una chiamata. Un essmemsese..si insomma un messaggio. Una meil..dai, se fa no inscì.

Brutto scherzo; roba da preti, quasi. Roba da milanisti furbi e scaltri. 

E adesso Ortica piange; Rogoredo è senza  “el so fioeu” più amato.

L’Idroscalo ha deciso di ritirare le acque per una settimana, in segno di lutto.

E le battone di Piola la daranno gratis, o in alternativa scatta il due per tre.

Insomma brutto colpo. Basso. Diretto. Un montante in pieno volto e KO servito alla prima ripresa.

Ti ricordo come vero e proprio maestro: di stile, di bontà. Di umorismo, cinico, gelido e tanto, tanto milanese.

Come quel giorno, fermata Duomo. Io trafelato e di corsa per ciapà la Rossa verso Loreto; te che al mio fianco cercavi disperatamente di timbrare, cosa non impossibile per mortali comuni, il biglietto. E’ bastato un attimo, uno stridere di voce, sbofonchiata e stridula. Tacccc, mi giro, te che mi guardi. Io che chiedo se posso aiutare e tu, (pieno inverno) che togli gli occhiali da sole Rajban montatura avvolgente dietro le orecchie e mi dici…o ci provi:” eh ma quì, dico, ma come..e …la madonna come si inserisce quì il coso..si il biglietto”. Io che ti aiuto e, solo a quel punto, vedo un alone nero introno all’occhio destro. Classico risultato di un jab in pieno volto..Te ringrazi, io saluto e via..

Eppure il più intenso tra i ricordi fu in un giorno di calcio.. Un’estate torrida: giugno ’83.

Mundialito per clubs, San Siro, ovviamente. Era per noi il solito, tremendo anno di transizione. Boia, ne abbiamo avuti di questi anni, non ultimo quello in corso.

San Siro era pieno come un uovo. Posti non ce n’erano, per cui vengo dirottato verso curve a me non consone: in pratica confinavo con la Fossa. Prima partita: Inter Penarol: 1-2. Classico, no.

Secondo match, le Merde A, contro le Merde B: Mian vs Juve.

A pochi minuti dall’inizio un vociare appena sopra di me. Mi alzo, come tutti. E dalla Sud sale un coro, che poco c’azzecca. Inizialmente non colgo, voglio dire, coglioni lo sono sempre stati, questa è l’ennesima dimostrazione che tra Noi e loro un sostanziale gap c’è. E’ evidente, lampante, cristallino. Poi pero’ un nome su tutti si erge…Enzo..Enzo…EnzoENZO….

Mi volto, stravolto, e dico a mio padre”: ueh va quel “pirla” del Jannacci.

E lui dieci fila sopra di me che si sbraccia, si scatena in un coro, poi ripreso da Fossa e Brigate.. Un delirio. Un saluto. Un omaggio….

Ciao Enzo…cugino, amico, Maestro…

Ciao, sta ben…

imgres.jpg


LA SETTIMANA SANTA

…THE PASSION…

Comincia oggi la nostra, e si spera anche la loro, Settimana di passioni. Varie ed eventuali si insericono sempre (e subdolamente) prima di una disfida del genere.

Esempio le condizioni atmosferiche:

“CAUSA PIOGGIE TORRENZIALI PRESSO AGORDO DI CADORE INTER vs JUVENTUS VERRA’ RIMANDATA A DATA DA DESTINARSI”.


Ecco, giusto per portare avanti buoi e mani….sull’esito finale.

 

inter-juventus-diretta.jpg


SAMPDORIA VS INTER

…MALTEMPO…QUELLO CHE CI VOLEVA…

Causa neve, pioggia, vento e sciagure di varia natura meteorlogica la sfida tra blucerchiati e beneamati si disputerà presso il traforo del Frejius. Da quelle parti ci sono temperature apprezzabili (circa 19 gradi centigradi). Il tasso di umidità è accettabile. E il terreno (in leggera pendenza) non presenta amenità ed è in perfette condizioni.
 Arbitrerà il match Reinhold Messner, coadiuvato da Simone Moro e Ed Viesturs.

 

images.jpg


CRAZY INTER

…COMUNQUE A TESTA ALTA….

Siamo come il PD: abbiamo vinto, ma abbiamo perso. Paradosso

sconsiderato e piacevole di una camiseta che non si può, non si deve abbandonare, come il DENIM, mai

Va bene così…

(Certo ci fosse stato Bergoglio sulla mediana…)

 

0MJNYCTP--630x365.jpg


KON-KLAVE NEROAZZURRO

…HABEMUS, HABEMUS….

Ecco il nuovo RINFORZO argentino.

Giocherà trequartista. Dietro le punte, o quello che ne è rimasto.

MORATTI è raggiante:” L’abbiamo cercato, voluto e infine battuto la concorrenza di Real e Barca”

Stramaccions:” Giocheremo con il 4-3-TRINO”

Cassano:” Dovrò limitare alla Pinetina le mie barzellette sconcie, ma soprattutto, evitare i miei leggendari rutti nello spogliatoio”

Zanetti:” Gli cederò la fascia; nel senso che giocherà davanti a me a destra”

Milito:” Abbiamo un’arma in più, lo Spirito Santo in Curva Nord”

Branca:” Un affare che aprirà nuovi mercati all’Inter. Lavoravo per Bergoglio già dal conclave del 2005″

La Madonna:” Adesso basta rompere i coglioni e “appellarsi” a Santi e Cherubini. Giocate, moltiplicatevi e vincete”

Gesù Cristo:” Allora in ordine: Lazzaro, Canne, i Pani e i Pesci..cazzo adesso anche l’Inter. Credo, dico CREDO, sia troppo anche per me” 

 

index.jpg


RAGAZZI C’E’ VOYAGER, MA ANCHE GLI SPURS

…LA TV DEI RAGAZZI…

Quanto ci manca Giacobbone nostro. Tanto e più delle pazzesche discese sulla fascia di Pereira. Un’assenza che pesa. Potenzialmente sarebbe un centrale difensivo degno e all’altezza: quasi due metri di eleganza, fisicità. Tecnica fina e senso tattico degno di Franz Baresi. Però, purtoppo per noi, non è nè svincolato, nè in scadenza di contratto. Legato saldamente a Mammarai. Dovremo farcene una ragione. Per cui si va avanti con quel che si ha a disposizione, cioè, poco più che niente.

Certo avessi una torre a disposizione mi divertirei, e non poco, a scegliere chi lanciare di sotto. Le scelte a riguardo non mancano. Ma due su tutte impegnano la mia fantasia: Stramaccions o Branca?

Arduo. Me ne rendo conto.

Proviamoci.

Elimino Branca, in teoria risolveremmo eventuali grane da maggio in poi. Il rischio è che s’infilino altri beceri pseudo Direttori Tecnici. Se penso ad Ausilio, ad esempio, mi arrivano le palpitazioni; sento il desiderio di chiamare il call-center di VOCE AMICA per rassicurarmi e calmarmi..

No, meglio iettare Strama.

Il parco allenatori pullula di gente creativa. Pratica. Brava e con esperienza: Sonetti, Di Marzio; Malesani, Gasperrini ( no cazzo, ricordo, abbiamo già dato). Insomma una scelta ampia e ragionata di talentuosi entrnadores, tradotto: visto la crisi, il primo che transita da Duomo a Milano; con la Conditio sine qua non di pagarsi il biglietto della MM1.

Allora, facciamo in questa maniera: mi tengo il cugino di terzo grado di Branca. Peggio non può essere, e poi è di Albairate: cazzo c’entra direte?. No, nulla, mi è uscita così. Contratto settimanale e benefit almeno sull’acquisto di un trequartista di fama e un paio di talenti provenienti da campionati stranieri, tipo la Lega Padania FC. Bye, bye Strama, tu e le tue idee da strapazzo…

Però a ben pensarci, forse sarebbe più utile dare un senso di continuità sul campo, che non a livelli dirigenziali, per cui, di nuovo Branca giù dalla torre e fiducia al salumiere di Stramaccions.

Lo stesso mi aveva previsto lo sfacelo tattico e tecnico. Fisico e psicologico: aveva beccato letteralmente il risultato di Siena, con tanto di marcatori.

Su Firenze non aveva imbroccato solo il goal di Cassano.

Sul derby mi dice:” adesso entra Schelotto e fa come Julio Cruz!!”

Poi sugli Spurs si è sbagliato solo di un niente. Riguardo, e soprattutto, sull’ora prevista da Heathrow per il volo di ritorno a Milano. Il risultato: 3-0, colpito e affondato..

Si..si…tengo Strama. Evacuo Branca. Tiro lo sciacquone..E va come deve  (ma soprattutto, dove) andare.

Bologna, ma soprattutto gli Spurs sono alle porte: ci rimangono due possibilità.

Lasciarci sfondare.

O chiudere a due mandate la porta.

E buttarne la chiave.

Strama, Branca…la Torre attende.

 

voyager-ragazzi-TAPPO.jpg