MOGGI, SILVIONE E IL GRANDE JOE

…8 NOVEMBRE 2011…

 

boxe-piange-frazier-803626965021.jpg


Ce lo ricorderemo questo giorno per parecchio tempo. E’ stato, come dire, dolce e amaro allo stesso tempo…

Alla notizia in mattinata della scomparsa di “Smokin joe” sono rimasto molto turbato; ero davvero molto piccolo, e molto rincoglionito ( questo dato in seguito ha mantenuto una sua ascissa costante nel tempo sull’ asse dell’ordinata) ma ricordo ancora il riverbero del televisore a tubo catodico e in rigoroso bianco e nero che rimandava le immagini di quell’epico incontro con Cassius Clay. 

Parenti che si apprestavano a vivere “live” quella diretta che mezzo mondo ebbe modo di vedere e ammirare. 

Quindici lunghissime riprese e Cassius Clay che alla 15a viene steso da un micidiale terra-aria di Frazier…

Tutto intorno una fumeria d’oppio e io li a respirare effluvi; a non capire cosa stava accadendo, ma rapito; rapito da quelle atmosfere, da quei due che se le suonavano con enorme rispetto…

Ci mancherà, e tanto…

 

Poi a mitigare quel velo di tristezza misto a malinconia di anni che mai torneranno un altro KO…

 

213x145_20111108_212943_43BBF244.jpg


Questa volta un gancio tremendo che in un colpo stende maggioranza, governo e Silvione..

Poco cambierà. Lo sappiamo sin da ora. 

E’ una specie di vittoria di Pirro; una di quelle vittorie portate a casa durante i pit-stops..

Non riesco a metterri davanti il musetto in pista, ti fotto ai box..

Più o meno, all’incirca…

Per Silvione adesso si prospetta meno politica e più…..F..A

E a chiudere le belle notizie ecco giungere una serie infinita di diretti belli dritti sul musone ingrugnito di Moggi…

Cinque anni…cinque..e spicci…

Un pugno in faccia alla superbia e all’arroganza di cotanto buffone; a lui e a chi, in questi anni di vacanza forzata,  gli ha retto il gioco…

Alla fine l’ASSOCIAZIONE A DELINQUERE è UGUALE PER TUTTI…

Stamme ‘bbuono Lucià…

2788034--630x365.jpg

MOGGI, SILVIONE E IL GRANDE JOEultima modifica: 2011-11-08T22:15:50+01:00da bjuniors
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento