SCELTE

…JUVE AL BIVIO…
Punto (e non nel senso della gloriosa 4ruote) di non ritorno. E’ giunto il momento delle decisioni. Drastiche, vero, ma necessarie.
Per la prossima stagione la scelta diviene quantomai obbligatoria:
FIAT….
oppure…
HONDA…

honda--300x145.jpg




 

SCIAMPAGN

…TROPPO AVANTI…

Certo che noi siamo degli inguaribili ottimisti. Ci può cadere il mondo addosso; possono arrivare anche molteplici ” 5 Maggio ” di fila; le merde possono portarsi a casa altre 7 Champions, ma NOI li siamo, e li restiamo. Si cade in piedi. Osso duro, molto duro siamo.

Stamane, ore 11,00 circa. Entra in negozio un cliente. Anzi più che un occasionale cliente un amico. Di più, un interista.

Un valido medico osteopata con il quale colloquiare dei ragazzi è un piacere, e ancor più, parlar male delle nostre care MERDE rossonere.

La prendiamo alla lunga. E’ da tempo che non ci si vede. Si parte dalla sfida con il Palermo, sino a giungere agli ultimi fatti e misfatti di casa nostra. Su Casper no comments, almeno al momento. Bypassiamo i cazzi di Wesley e di Samue Eto’o, più per codardia che altro.

In tutto questo sparlare faccio anche il mio mestiere (tengo famiglia, e qualche boccuccia felina da sfamare). Poi colpo a sorpresa: estrae da una confezione un autentica bottiglia di Moet & Chandon. Lustra e nuova più che mai.

Mi rivolge il lato senza etichetta.

Poi con abilità degne del miglior illusionista, diciamo il grande Tony Binarelli per citarne uno, appare sull’etichetta una data: 19 Maggio 2012.

Mi dice:” questa ce la scoliamo direttamente all’Allianz Arena quella notte. Quando ne avremo 4 sulle bandiere”.

Poi piango lacrime di commozione, e penso all’orgoglio di questa fede. Al piacere di questi colori.

E anche al Moet & Chandon….

 

moet_g[1].jpg

THROUGH THE BARRICADES

 

...LOS MILLIONARIOS…
Fa specie, gente. La retrocessione de Las Gallinas mi ha proprio imprssionato. Da appassionato verace del calcio argentino, ma soprattutto da grande tifoso del Boca, mi sento imbarazzato nel vedere i miei storici rivali in Segunda.
Avevano iniziato il Clausura dignitosamente: JJ Lopez aveva trovato giusti equilibri. Meccanismi ben oleati: amalgama di vecchie glorie e futuri fuoriclasse. Tutto scorreva.
Poi l’orrore; il disastro. A partire dal  Superclasico della Bombonera con Carrizo (andatevi a vedere il suo autogoal) che sembra Dida. Gaffe tremenda sotto la “Donze” e avvio della frittata. Da quel due a zero La Banda non si è più ripresa. Passarella che tuona nei confroni di Lopez; prova a dare la carica. Ma niente. Il vuoto. Mentale e fisico. Tutti (e appassionatamente) allo sbando. Sino allo spareggio con il Belgrano, finito con un incubo che si chiama retrocessione. Centodieci anni di Storia sputtanati in poche gare. Il Promedio che parla chiaro : e arrivederci in Serie B.
Già.
Serie B a noi molto, molto cara. Infinitamente simpatica, soprattutto, quando a farne parte vi sono formazioni a noi ben note.
Altri cugini. Altri lidi. Altre circostanze.
Va da se che se nel caso del River riesco empaticamente a farmi carico del loro dolore (sportivo) e imbarazzo mediatico che ne deriva; nel caso dei nostri “amatissimi” cuginetti, beh, la sola loro permanenza in città mi urta. Figuriamoci poi nel doverli sentire  SBAUSCIARE (termine tipicamente di nostra appartenenza) delle loro inarrivabili imprese.
Insomma alla fin della fiera poche sono le formazioni nel mondo che non hanno subito l’onta di una retrocessione. Appunto una…
C’è invece a chi piace un certo stato sadomasochistico di recidività….
Fatevi pure voi il vostro TRIPLETE, dai…
Come al solito: INSAZIABILI…

0LNEXFHF--300x145[1].jpg


CASPER RINI

…L’ALLENATORE FANTASMA…

Come in un film. Un cartoon d’altri tempi..

Casper, GASPERRINI..

Il TRAGHETTATORE….

Si vedrà.

Certo fa specie che a commentare per primo il grande evento sia stato l’allenatore delle MERDE: per nulla proccupato che il suo dirimpettaio possa ripetere le sue gesta…al primo tentativo. Dai e si cerchi di stare ALLEGRI…tutto ‘a da venì…

 

CASPER.jpg

VACANZE E… VACANTE

…BIG BEN, HA DETTO STOP…

Bene gente ci siamo: sette giorni sette di fancazzismo. Il niente diverrà il mio credo, la mia religione. Vacanza e sudata, e meritata.

Ragione per cui adotterò una tattica rigida e ferrea: chiusura ermetica di Internet, con le sue più deliranti diramazioni.

FB su tutti e a seguire Trophy Manager e questo obbrobrio che state leggendo.

Chiuso, fermeè. Closed.

Amenità della banda lunga: no grazie.

STOP…

Anche al calcio.

Gazza a go-go, questo si; con ardue battaglie sulla sdraio: un pò come Don Chisciotte, insomma.

Apprenderò li chi governerà la panca più cazzuta dell’intero settore calcistico.

Per intanto, un bel fanculo (moderato) alla dirigenza…

Ed uno più ACCESO alle MERDE (dirigenza included, of course).

 Comme d’habitude…

Per intanto eccovi, in anteprima, il nuovo allenatore dell’INTER FC:

 

panchina.jpg

… DI SPALLE…

IL VITELLO DAI PIEDI DI BIELSA

 …ELIO’S…

Ci aveva beccato tempo fa il nostro, anzi il vostro, Elio e le sue Storie..

Aborro il suo stile; la sua musica . Il suo gruppo. Insopportabili.

Faccio eccezione per la sua appartenenza calcistica; fino ad un certo punto: visto che con un’altra insopportabile per tradizione, Simona Ventura, al di lei programma, la sola presenza del CHANTEUR mi inquietava, oltre che menar gramo sulle casalinghe dei ragazzi.

Però, ecceunperò, in questa loro più che famosa canzone hanno anticipato i tempi. I nostri tempi. Profeti tout-court.

Alla fine due vitelli grassi sono già stati sacrificati ancor prima dìiniziare la stagione – se non siamo geniali noi…

Branca, Moratti, Paolillo e tutta la banda ne stanno combinando una più di Bertoldo.

E come se non bastasse  in questo stillicidio di bestialità, se ne sta aggiungendo un’altra: trattasi di Samuel Eto’o.

Saranno voci. Pour parler. Ma l’idea di vederci denaturati, spuntati la davanti mi fa rabbrividire.

Con la Super alle porte non è la miglior maniera per avviare il meccanismo.

Per cui fanculo il fair-play finanziario. Fanculo il politically-correct.

Damose ‘na smossa…

E fateci capire da che cazzo di parte state…

 

elio-e-le-storie-tese_002286_5_MainPicture.jpg

A PROPOSITO DI WESLEY

…GRAN MERCATO BARCELONA…

Se vi pare normale, no dico, laddove si muova la Beneamata, loro, e per loro intendo i Campioni d’Europa, o sono già arrivati con netto anticipo, oppure stanno sul fiato dei nostri (presunti) colpi.

E ci piace Ganso…

E siamo già in ritardo, i catalani, si sono comperati il Santos al completo.

E si punta su Nasri. E loro che sono ad un “passo da tutti” si sono comperati l’Emirates e mezzo Arsenal.

Giochiamo d’anticipo per Sanchez e Rossi…

E loro abili come la Stasi e il Mossad ne hanno acquistato i cartellini da tempo immemore.

Poi, Moratti va da Cova (nota pasticceria nel cuore della Città) e loro si comperano baristi, direttori di sala e tutti i carnet del mattino per i prossimi 10 anni..

Insomma di vero c’è che NON c’è NULLA di vero..

Fatta eccezione dell’affaire Snejider…del quale in qualche post fa avevo accennato.

Su Wesley i cazzi ci sono…

E tanti: a partire da incomprensioni classiche da spogliatoio.

Ci si tollera poco da quelle parti.

L’olandese accusa Leo di preferenze neanche tanto velate ( e surprise): argentini su tutti.

Brasiliani non tutti considerati…

Il problema sta in giri di campo fatti col (letteralmente) vomito alla bocca; e il povero Wesley che invece di aspettarsi l’ovvio esonero dal disputare gli allenamenti, si ritrova in pieno malessere a correre, malgardo lui, sotto gli sguardi di un Leo indifferente.

Il problema sta in incomprensioni a carattere squisitamente tattico:

Allianz Arena, fine primo tempo..

Vi ricordate, nevvero…

Un cagotto MONDIALE…

Fosse finito con 5 pere di divario non ci sarebbe stato nulla da dire, anzi..

Invece qualcosa cambia tra il primo e il secondo; frutto di un vero e proprio diverbio. Anzi uno scazzo molto, molto acceso. Wesley sbatte sul tavolo un taccuino.

Leo chiede numi.

Wesley infuriato gli ribadisce che l’INTER se vuole uscire dall’Allianz senza le ossa rotte deve giocare così…

A quel punto Leo non ci capisce più un cazzo…

E pone la fatidica domanda..

Cos’ì come..?

E Wesley, gli serve il poker: come Mou ci ha insegnato..

Vi ricordate, al netto dello Shalcke, come è andata a finire…

E’ andata così…giurin, giuretta..

Info top-secret che la stampa si guarda bene dal pubblicare, certa stampa.

E io che giornalista non sono, ma solo coglione e povero, vi aggiorno sul più che probabile addio di Wesley..

Attendiamo che so, Nasri, Ganso, Sanchez o Rossi…

E perchè no, già che siamo in “barca” aspettiamoci il lieto ritorno dal Sunderland di Muntari…

Ovviamente Barcelona permettendo…

 

Inter-Roma-Sneijder-e-Leonardo-300x212[1].jpg