IN PROSPETTIVA

…GUARDIAMO AVANTI…

Ci sono due, almeno due, buone motivazioni per cominciare a concentrarci sulla prossima stagione: la prima, molto banalmente, è il ritorno in Serie A dei cugini bergamaschi.

Interessante soprattutto per le famose manifestazioni collaterali che caratterizzeranno il match al Meazza: ovvero il lancio di 125, 250 e per i più nostalgici il Garelli monomarcia a 50cc.

La seconda ragione, carica di ottimismo berlusconiano, è l’arrivo del Siena.

Con ogni probabilità (pur non conoscendo come ovvio il tabellone della stagione 2011/2012) si festeggerà il Titolo tra la terz’ultima e l’ultima di campionato. Sempre probabilmente giocandocela a Siena con un’altrettanto probabile goal risolutivo di (tra i due più veritiero il primo) Matrix dal dischetto al secondo tentativo, almeno; oppure con l’ennesima perla di Milito lanciato da Zanetti…

Il tutto PROBABILMENTE….

 

campionato,serie a. 20112012

 

CONFESSIONE

…LA VERITA’…

Lo ammetto. Si, finalmente ho preso il coraggio a due mani. Non ho mai avuto una particolare predisposizione per il calcio. Si, lo seguo. Ma alla dovuta distanza. Con le dovute cautele. Una tantum. E in certune circostanze. Ad esempio in quest’ultimo quinquennio alcune piccole, irrisorie soddisafzioni le ho ottenute. Poca roba, s’intende.

Poi arrivano giorni, giorni tipo questi, in cui tutto l’entusiasmo si smorza. Decresce, più o meno come il nostro P.I.L.

E allora una certa apatia regna sovrana. S’affievolisce in maniera esponenziale l’interesse verso questo gioco.

Ti occupi d’altro: ad esempio il PGA tour su RaiSport 1 diviene il fulcro delle tue serate. Oppure ti avvicini al Backgammon. Con curiosità e qualche perplessità, onestamente.

Poi quando per sfinimento ci si accorge di essere sintonizzati con costanza perenne sul nuoto sincronizzato, allora e solo allora, s’intuisce che qualcosa non gira alla dovuta maniera.

QUALCOSA è andato storto.

E come per incanto il risveglio (molto vicino a quello Buddhista, per capirci). La presa di coscienza. Per non dire un ritorno (planando molto duramente) alla realtà.

E allora si capisce.

Forse a causa di una PROCESSIONE.

Piu’ PROFANA che sacra.

Nulla di liturgico, anzi.

Un’insieme di miscredenti. Di eretici.Dirimpettai del DIAVOLO…

Fossimo nell’Età Buia, saprei perfettamente che fine fargli fare.

Ma ahimè…SIAMO NELL’ERA dell’OTTIMISMO….

Per cui stringiamo le chiappe. E TURIAMOCI nasi…

Sopportiamo questo “simpatico” INGORGO a cui siamo destinati…

Tempi migliori arriveranno..

Wesley Snejider permettendo…(seguono precisazioni…)

 

images.jpeg




TERREMOTO DE ROMA

…E FINALE SIA…

Oh gente ma avete visto come si gioca al futebol eh…Insomma mica paglia. Roba fina. Prima qualità.

Schiacciati. Annientati. Distrutti. E siccome si è in ballo con eufemismi vari: piastrellati stile Pozzi & Ginori.

Cioè, ennesima finale. Annus mirabilis…

Si vabbeh ci sarebbero da conteggiare  due pali tipo pinball wizard; e si aggiungano due interventi di Julio alla CESAR.

E mettiamoci anche una sterile supremazia, almeno nei primi 45′.

Esagerando avrebbero anche meritato “quel” qualcosa in più.

Al netto, insomma, i ragazzi entrano in Finale, “limpidamente”. Pace-maker permettendo, ovviamente.

E mentre noi depositiamo le nostre chiappe sacre nella 134a Finale di fila, gli “ALTRI” completano l’OPERA. Alla loro maniera.

Consiglio: per le DOPPIETTE, ragazzi, prendetevi una bella confezione di VIAGRA.

Per le TRIPLETTE, semplicemente, chiedete ai vostri CUGINI.

Chiuso…nice nite…

INTER%20CENTENARIO%203_1[1].gif

PECCATO

…UNO TITULI, ONLY…

Dai che sfortuna.

Che peccato…

Niente DOUBLE.

E nemmeno TREBLE…

Tutto rimandato…NEXT YEAR…

Dove spero possiate PAGARE TUTTO (e pagherete caro..)

Con gli interessi…

Dovuti.

Pensando soprattutto agli apprezzamenti di fine gara di quei due LORDS di Abate e Ringhio…

Di Ambro si sa…non vale la pena citarlo…

Eleganza e stile: due doti che MAI vi sono appartenute.

Basterebbe solo guardare chi vi comanda….Basterebbe solo quello…

585px-Coccarda_Coppa_Italia_svg[1].png

ZEUS

…CIAO…

Back to the roots, now…

Sono andato a salutare un “amico”.

Un caro amico: 17 anni di convivenza, a volte, come dire, complessa e difficile ma senza mai un tradimento; senza avere mai avuto un ripensamento, MAI…

Si chiamava Zeus per l’anagrafe, ma per me e per chi gli voleva bene era semplicemente IL CICCIO.

Uno splendido esemplare di Siamese sbagliato: la mamma una europea meravigliosa; il papà sconosciuto ma con nel DNA tracce di razza griffata…

Arrivò in casa mia in un giorno molto triste per l’automobilismo: era il I Maggio del ’94.

Quel giorno Ayrton ci lasciò in una curva dannata.

Se ne è andato con onore, con classe (come solo i gatti sanno fare) il 7 di Maggio.

In un altro giorno molto, molto triste per noi interisti…Sappiamo il perchè.

Però…

Ha avuto l’astuzia di arrivare al mondo NON ANCORA DOMINATO DAL BERLUSCONISMO DILATANTE, era l’11 Febbraio del ’94.

Il Bunga-LOVE per antonomasia vinse le sue prime elezioni di li ad un mese abbondante.

E sempre con la dovuta preveggenza felina mi ha lasciato (con un enorme vuoto dentro) dodici ore prima che i merdosissimi cugini chiamassero l’ALL-IN…(ridicoli!!!) del 18° scudetto.

In ogni caso è stato strategico, astuto e velenosissimo nel scegliere i tempi, mettiamola così: d’entrata e d’USCITA…

Ciao Ciccio.

NON mi mancherai, perchè, ne sono certo, sarai sempre quì nei nostri cuori…

I TITOLI VINTI DAL CICCIO dal 1994 al 2010

5 Campionati (di fila…mica paglia per un felino)

3 Coppe Italia

5 Supercoppe italiane

2 Coppe UEFA

1 Uefa Champions League

1 Mondiale per Club

Ciao Ciccio…

 

195280_1337245616_5523173_n[1].jpg

 

 


ROSSI

…DETTO SEBA…ALIAS…TYSON…

Eccheccazzo.

Finalmente, dopo un week-end NERISSIMO, una buona notizia…

CESENA (9 maggio 2011) – L’ex portiere del Milan Sebastiano Rossi è stato arrestato nella notte di ieri dai carabinieri. L’ex calciatore è accusato di avere preso a pugni un carabiniere in borghese in un bar del centro della cittadina romagnola. Secondo una ricostruzione dei carabinieri, Sebastiano Rossi, che stava fumando un sigaro, sarebbe stato invitato dalla barista a uscire dal locale, ma l’ex sportivo si sarebbe rifiutato rispondendo in malo modo. Il militare, seduto al tavolo, si è identificato ed è intervenuto per placcare gli animi. Ma ne è nato un diverbio. E Rossi, che secondo i militari aveva fatto uso di alcolici, ha sferrato un pugno alla bocca del carabiniere che poi però è riuscito a fermarlo. L’ex numero uno è stato condotto in cella nella caserma di Cesenatico. Sebastiano Rossi sarà processato per direttissima con le accuse di aggressione e resistenza a pubblico ufficiale.

Simona Bigliardi

ros_01_672-458_resize[1].jpg

CONSIGLIO

…DEEP IMPACT…

Ascoltate me, sinceri e democratici appassionati della Beneamata:

sigillate per bene le vostre imposte.

Chiudete finestre, persiane e quant’altro.

Approviggionatevi di fese d’aglio (in abbondanza).

Crocifissi e proiettili d’argento a volontà.

LORO stanno risorgendo dalle  CENERI.

Munitevi di rosari, icone di Padre Pio. Gigantografie di Benedettoicsvuuno se lo ritenete opportuno:

il DEMONIO è alle nostre porte.

NON RESPIRATE. Silenti. Circospetti.

Stanno arrivando.

TERRIBILIS LOCUS EST ISTE.

O in alternativa dei bei tappi a tenuta stagna….

Buona notte  Fratelli Interisti…

images[9].jpg

PARLIAMONE

…OPZIONI…

Ma voi ve li immaginate un Riccardo Cucchi qualunque; oppure un Repice qualsiasi solo tra, mettiamo, due, forse tre anni.

Tempo tecnico per far approvare in consiglio comunale l’inaudita proposta del Silvione Nazionale: quella di dedicare (visto la quantità spropositata di trofei, 26, ormai quasi 27) a lui medesimo lo stadio Giuseppe Meazza, già San Siro.

E ve lo immaginate l’abbrivio di Cucchi che sintonizzandosi attacca con un “cordiale saluto a tutti i radio ascoltatori e benvenuti al Silvio Berlusconi Stadium ( già a questo punto potrebbe intervenire un mini-spot di Ennio Doris che ricorda agli ascoltatori di pagare quella cazzo di rata del MUTUO che continua a girargli tra le palle), quindicesima di campionato e match delicatissimo per la Squadra governativa e i suoi più acerrimi rivali: gli odiatissimi cugini prolet oggi anch’essi (in qualità di ospitati) paganti”…

Ve lo immaginate…

No, non è il futuro. E Nemmeno le farneticazioni fantascientifiche del nano più pazzo del mondo.

E nemmeno, aggiungo, propaganda elettoral-calcistica, già abbondantemente e smaronata, e sputtanata  da tempo con annunci di arrivi lusitani da quel di Madrid…

No…

Illo ci crede

Niente boutade paradossali..

Ci toccherà migrare.

Levare le tende e dimenticarci del nostro amato San Siro…

Giocheremo in provincia.

Lontano da Piccolomini’s way..

Fosse anche in RUSSIA magari nei pressi del Mausoleo di Lenin: sempre che si faccia in tempo arrivanoci ben prima dei brookers della Mediolanum… Si sa mai…

berlusconi.jpg

L’ icona che sormonterà le entrate e i tornelli del Nuovo Silvio Berlusconi Stadium


NUMERI

…IRRAZIONALE…

Ciò che non è razionale diviene incomprensibile. Complesso, inesplicabile. Un pò come la matematicia. Se non ci si è portati puoi stare una vita intera, ma al massimo imbrocchi la tabellina del sette, e non senza difficoltà.

Numeri, dunque.

Niente di complesso. Senza scomodare trigonometria e affini. Solo un semplice, maledetto e simpatico (come la merda) numero:  l’UNO.

Naturale, ma non primo. Elemento iniziale di ogni cosa.

Abbrivio di ogni evento. Cazzo non è che parti dall’ottantaquattro. Se c’è, se è li in quel preciso posto nell’elenco dei numeri naturali, deve esserci una fondamentale ragione.

ESEMPIO:
Avrei due cose da dirti ( e fin quì, ci siamo): trecentoventisei, mi rimani stronzo;

due ti mollo perchè sei interista, dei peggiori.

Come potrete notare c’è una illogicità del tutto naturale nell’esposizione che l’affabile jeune-fille dimostra nei confronti del suo amato.

UNO, dunque. Determinante. Indispensabile. Non se ne può fare a meno.

Forse.

Purtroppo però il medesimo, utilizzato, entro limiti prettamente calcistici diviene numero (ahimè) scorbutico, per non dire antipatico.

Messo al negativo ( e cioè MENO UNO) ricorda a noi sinceri e appassionati neroblu che la “mamma sta buttando la pasta” ( Peterson citascion).

Azzardo una entrata in Fisica: è come se la Materia si trasformasse interamente in ANTI-MATERIA.

Mi scusini i vari Einstein, Rubbia, Levi-Montalcini. Con ogni probabilità sto raccontando una delle tante troiate; con la classica supponenza e presunzione interista. Con l’arroganza calcisticamente parlando di uno (appunto) che si vedrà defraudato in maniera indebita di ciò che “legittimamente” è stato suo negli ultimi anni.

Oh del resto io con la Fisica ho avuto rapporti colloquiali e di reciproca stima ( questa l’ho copiata dai protocolli del Quirinale) solo quando saltavo 4, 81 mt nel salto in lungo; oppure i miei adorati 13 secondi e 23 centesimi sui 100. Una vita fa..

Oggi l’orizzonte si sta facendo più nero. Contornato da venature di rosso vermiglio a me indigeste. Poche ore ancora e funesti saranno i giorni…

Ma noi col solito piglio; con la solita prospettiva guardiamo già avanti. Come..?

Ecco la probabile maglia della prossima stagione..

Mi ricorda quella INGUARDABILE con lo sponsor della INNO-HIT…Altri anni…Altra Inter..Altri Prohaska…

22195321982923804288814[1].jpg