Dalla Prima Lettera di Massimo ai suoi discepoli

…POSTE ITALIANE…

Oggi il presidente Moratti ha inviato una lettera alla squadra a nemmeno 24 ore dall’eleminazione dai quarti di Champions ad opera degli IRRESISTIBILI tedeschi dello Schalke 04.

Una lettera piena in ogni caso di stima, affetto e ammirazione nei confronti dei ragazzi. Fautori di una stagione ricca d’imprese e soddisfazioni, in una parola: indimenticabile.

Questo l’attestato di stima apparso sul sito ufficiale dell’Inter FC:

“Vorrei oggi ringraziare la mia squadra, tutti i giocatori che negli ultimi anni, e anche nell’attuale, hanno portato a tutti i tifosi interisti, me compreso, tanta gioia e i successi dei quali siamo e saremo sempre orgogliosi.
Nella certezza di ritrovare la forza e la qualità che conosciamo per raggiungere i prestigiosi obiettivi che ci attendono anche quest’anno, sono convinto che, insieme ai tifosi, l’allenatore e la squadra sapranno regalarci ancora altre soddisfazioni”.

Ufficio Stampa

E questa a seguire che vi propongo è la sua prima istintiva stesura. Chiaramente è da classificarsi come reperto TOP-SECRET:
” Razza di coglioni sottosviluppati che non siete altro. Vi siete fatti beffare da quattro mangia patate della filiberta. Avevamo un’occasione più unica che rara: disputare una Finale di Coppa Campioni ( si noti lo stile retrò del presidente, ancora ancorato a vecchi schemi linguistici e, di conseguenza, ad immagini non ancora TRIDIMENSIONALI, bensì in bianco e nero) dopo la vittoria dello scorso anno. Anzi, cazzo dico, un anno solare ancora non è passato, razza d’idioti. Nemmeno 365 siamo riusciti a resistere. Figura di merda planetaria. Altro che primo posto nel ranking mondiale per Clubs (inglesismo perfetto del presidente, quasi meglio delle noiosissime english lessons di severgniniana memoria). Ci toccherà, se non vi date una smossa, vedercela con il Turun Palloseura per il turno preliminare del prossimo anno.
Non se ne salva uno di voi: a partire dai regali di una difesa marmorea. Lucio, Ranocchia e anche lei signor colosso: più fermi dell’esercito di terracotta giapponese (errore marchiano, dovuto certamente ad una non perfetta conoscenza dell’ambito storico-geografico internazionale).
Del centrocampo non parlo. Siete bolliti. Cotti. Brasati. Di questi tempi rende di più il Feralsipalo.
La zona offensiva poi mi è parsa OFFENSIVA solo a parole. Annientati da difensori dediti a questo sport solo perchè incapaci di trovare uno spazio adeguato nella formazione di Germania 2 ( si allude in questo preciso istante al BOB a QUATTRO, sport dove i teutonici sono maestri ).
E poi lei signor Leonardo. Un’illusione, estemporanea. Forte con le deboli. Mediocre con le pari livello.
Ah, ci fosse ancora LUI, ci fosse ancora LUI…(lasciamo in sospeso ogni eventuale riferimento a personaggi realmente  esistiti. Al momento non si è in grado di identificare con certosina precisione a chi alluda Moratti: se a nostalgiche inflessioni di carattere squisitamente politico-reazionario; ovvero si riferisca ad un recentissimo passato caratterizzato da PRESENZE lusitane).
e7e08a7fa356e06647bd4536e081d068-43497-46d0d2d6a80d48706aa3d793de24ca67.jpg
Moratti consegna personalmente la missiva, non fidandosi dei tempi di consegna delle Poste Italiane…

Dalla Prima Lettera di Massimo ai suoi discepoliultima modifica: 2011-04-14T22:17:00+02:00da bjuniors
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento