SCONCERTO

…CURVA NORD IN PARLAMENTO…

Dopo lo show a Palazzo Chigi, probabile stop (almeno tre giornate!!!) per il ministro della Difesa La Russa.

Scontata la sua assenza nel Derby della Madonnina.

Ulteriori problemi per Leo, dunque, che deve fare già a meno di pedine indispensabili quali Lucio (squalificato) e Samuel (fermo da mesi).

Al centro della Difesa dunque probabile spazio tra uno di questi due “rimpiazzi”: Chivu o Cordoba.

La-Russa[1].jpg

POST DERBY

…DAYS AFTER…

Dunque quanto manca…

Poco, o relativamente poco. Saranno ore ansiogene da entrambe le parti, quantomeno per chi vive questa partita, il Derby, in maniera totale.

Mi spiego:

aspettare gli attimi appena prima del fischio iniziale come se fossero gli ultimi istanti della propria vita. Esagero..?

In un Derby non c’è esagerazione, o forse per assurdo ve n’è fin troppa. In una partita come questa, poi, dove buona fetta dello scudetto verrà decisa (fatta eccezione per eventuale pareggio) la posta in palio è veramente alta.

Loro spuntati davanti (innegabile) vista la defezione di Superpippoinzaghi (di altri contractor non parlo); noi con mancanze pesanti nelle retrovie.

A farla da padrona sarà la mediana: con molte probabilità e limitati margini d’errore la stracittadina si deciderà in quella fetta di campo.

Chi occuperà meglio lo spazio a centrocampo, potrà avere chances in più di prevalere.

Ora dopo questo pippone tecnico-tattico parliamo di cagotto.

Già presente in massicce dosi nel sottoscritto. E a sentire i rumors in città in evidente fase di crescita esponenziale: entrambe le parti in causa sembrano propense ad un sano e costruttivo autolesionesmo pre-derby.

Tipo:

ne becchiamo un paio a tempo e tutti a casa (parte Milan)

Destinati a subire la beffa; con probabile sorpasso partenopeo (parte Inter)

Un pessimismo generalizzato più scaramantico che altro: si tende a mettere le mani avanti; con una non recondita speranza di purgare i rispettivi cugini, magari gonfiando la rete anche e soprattutto con una pera-beffa (cose tipo: sputtanamento all’ ultimo minuto; rigore inesistente nato da azione in off-side; e per finire si sogna di clamorose autoreti, sempre in zona-Cesarini).

Sogni e frustrazioni come il Derby vuole.

In ogni caso per agevolare e addolcire ( nella sconsiderata ipotesi di purghe rossonere nei nostri confronti), la delusione di un Derby perso, la Società Inter Fc comunica che il match di Champions League, valevole per l’ammissione alle semi-finali della medesima, verrà si disputato a San Siro nella data prevista, ma cambieranno gli avversari.

L’Internazionale disputerà il match contro i temibili, ostici e mai domi avversari dello Sciakka 04.

La Società -prosegue il comunicato ufficiale- si augura un massiccio afflusso dei tifosi per sostenere la squadra in questo delicatissimo match.

Sciacca_Sporting_Club_2010[1].jpg

FROTTOLE

…QUANTO COSTA UNA BUGIA…

Dunque adesso siamo alla beffa. E’ di queste ore la notizia riportata da Repubblica.it della falsa testimonianza di una presunta aquilana intervenuta in trasmissione per “glorificare” il lavoro svolto dal premier e dal suo più stretto collaboratore in casi di eventi drammatici: Bertolaso.

Trecento euro. Solo 300 E per una balla colossale. Insomma poca roba. Pure “onesta” la ciarlatana; voglio dire, stando al tasso d’inflazione, e facendo un debito salto indietro vista la Pasqua imminente, è andata meglio a tal Giuda….

In ogni caso la campagna mediatica dell’OTTIMISMO forzato continua imperterrita, almeno (e speriamo che non avvenga) sino al prossimo cataclisma.

Adesso però chiamo Silvione: se riesco a sfangarla con un bel 10.000E gli prometto che al prossimo Derby (questione di ore oramai) indosso la maglia di Buriani.

Previo pagamento anticipato, ovviamente.

Buriani,%20Milan%201977-78[1].jpg

LAMPO(NE) DI GENIO

…AS USUAL…

Pirla era, e pirla resterà.

Supermariobalotelli trova sempre il modo e la maniera di farsi riconoscere (ovviamente lontano da campi di gioco).

C’era un tempo, nemmeno troppo lontano, dove tirava sassate nelle reti avversarie. Oppure trattava la bola delicatamente, con medesimi risultati.

Poi arrivò la moda del lanciodellamaglia. La NOSTRA per la cronaca. Fu vilipeso; attaccato ad un muro e severamente cazziato.

Successivamente, altre maglie vennero indossate: per sfregio. Per arroganza. Un tentativo velleitario e bambinesco di “lanciare” messaggi ad altri lidi calcistici.

Poi venne lanciato lui. In orbita. Direzione Manchester.

Con pochi ed evidenti miglioramenti. Con altrettanto pochi risultati concreti. Anzi.

Il nostro continua anche in terra d’Albione a fare (RECIDIVAMENTE) il PIRLA.

E continua a lanciare..

Lui lancia, tira…ma non palloni, LAMPONI…

Cerca con una palombella di centrare, in un locale fashion (OVVIO, no), una specie di accompagnatrice ( figura tanto cara a certi personaggi delle nostre parti) con un cazzo di LAMPONE. Ma anche in questo caso dimostra poca lucidità. Poco allenamento e skills ridotte in questo innovativo sport: il frutto di bosco subisce una IMPECETTIBILE deviazione del “difensore” avversario e si dirige sul compagno di turno della ex-escort di Rooney.

Risultato: rissa sfiorata e casino mondiale dentro e fuori il locale, situato in quel di Corso Como a Manchester…

Cari cugini un coglione all’ennesima in squadra già l’avete: fate di tutto per privarvi anche di questo.

Firmato:

Un cugino.

622155.jpg

DERBY DI MILANI (SIC.)

…NINE…

Nove sono i giorni all’atto finale, o presunto tale.

C’è fermento in città.

Tutti ne parlano. Si discute accanitamente su quante pere beccherà o una o l’altra formazione.

Si scalpita, si trepida. In due parole, insomma, il Derby è già iniziato.

Al di la di ogni pronostico più roseo si sentono profezie inenarrabili. Nostradamus sui generis che raccontano di come Milito (se mai sarà della disfida) purgherà gli “odiati” cugini. Dall’altra parte gli orfani del gitano vaneggiano di clamorose realizzazioni, magari di Nesta e di ginocchio; nel recupero del recupero. Godendo come satrapi e riportando i bauscia a debita distanza.

Vaticini da Derby, insomma. Più elaborati col cuore, che frutto di “ragionate” elucubrazioni logiche.

Tutti raccontano. Parlano.

Julio Cesar che non pensa al Deby; Galliani e Pato ottimisti (come da contratto FININVEST!!).

E poi c’è il derby nel Derby: Ganso, l’astro nascente (cazzarola era da una vita che volevo scriverlo) del calcio bailado. Sogno (e neanche tanto proibito) di Inter e CPTAM.

Tutti, dunque da entrambe le parti stanno esponendo le loro tesi sul match del 2 Aprile. Tutti, tranne uno.

Il Silvione nazionale, che sta facendo (ORRORE E SORPRESA) il suo lavoro. Cioè il politico, o all’incirca ci sta provando: non senza, ovviamente, qualche diverissement che lo ALLONTANI da tutti questi fastidiosi problemi.

Ecco il “divertissement” in questione:

denise_milani_nurse_big.jpg
E’ chiaro che il Derby di Milano può attendere.
Non quello però di Denise, Denise Milani…
Partita secca. Supplementari e eventuali (sperati!!) calci di rigore, magari ad oltranza..

IL BUONO, BRUTTO E IL CATTIVO

…ALL IN ONE…

Mario Balotelli si sfoga dopo il fallaccio di Coppa:

“presentatemi il mio unico iodolo riconosciuto, Cristiano Ronaldo, e prometto che cambierò come uomo e come calciatore…”

LIBERA TRADUZIONE:
Cazzo MOU ti prego, t’imploro. Per pietà…portami al Real…

Mi incollo la maglietta. Giuro che non la lancio..Dai Mou…Dai…

mario-balotelli10[1].jpg

SOPORIFERO…?

…COSE DA MATTI…

Poi mentre “cose turche” tipo queste avvenivano in campo…

143694-500[1].jpg
…il sottoscritto appollaiato nella sua postazione privilegiata (2° Rosso) aveva la dissaventura di voltarsi verso la sua adorata compagna quantomeno per ricevere l’abbraccio di rito; suo malgrado però la suddetta veniva evidentemente “disturbata” inopinatamente dal suo sonno profondo, oserei azzardare REM, dall’INOPPORTUNO goal del Pazzo…
Dolce risveglio o no, in ogni caso, sono nel MIRINO…
Ma è, e rimane ancora lunga. Molto lunga.