DI GI TI VI

…EX-TUBO…

Bene signori, ci siamo. Oggi 26 Novembre 2010 entriamo tutti (più o meno tutti) a far parte dell’ERA DIGITALE.

E infatti a poche ore dal tanto agognato SWITC-OFF non si vede un emerito cazzo.

Programmi letteralmente spariti. Rai e Mediaset che fanno a gara per chi diffonde peggio il segnale.

LA7 sparita. O, trasormatasi (facendo un salto nel passato) nella vecchia Telemontecarlo. Tanto che per pochi frame, roba di secondi, ho rivisto Jocelyin & Sophie….

Un bel “salto” nel futuro. Forse, colpa di questa “insostenibile” nevicata: primi problemi, primi collassamenti del sistema, come dire, chi ben comincia…

Ma il famigerato Switch-Off ha toccato anche lidi, calcisticamente parlando, a noi più consoni e vicini.

Potere del segnale digitale. Oggi per la prima volta abbiamo potuto ammirare con perfetta sgranatura di pixel il prestigioso INTER-LAB.

Oh che mirabile insieme di laboriosità et operatività.

Luogo di culto. Santuario delle nostre speranze. Nonchè sito protetto dall’UNESCO.

Abbiamo potuto visualizzare i suoi interni, finemente arredati; e la varia umanità di cui dispone.

Ed ecco allora un via vai continuo di fisioterapisti e massaggiatori intenti a trovare ,sfruttandone tutte le sue oramai note capacità, pozioni alchemiche in grado di rallentare, se non escludere definitivamente, l’epidemia di infortuni che sta flagellando la oramai nota formazione di gioco calcio chiamata Internazionale.

L’effetto visivo, sfruttando la tecnologia digitale, è sorprendente: addirittura si riesce ad identificare ogni singolo pensiero degli ospiti.

Zoommando sui quadricipiti di certo Maicon ne è emerso un quadro addirittura allarmante. Una serie disorganizzata e complessa di pensieri altalenanti e destabilizzanti. Eccone un esempio: cazzo faccio ancora quì. Oppure: freddo di merda, almeno a Madrid il clima è mite, quasi come il mio Brasile. E  ancora: Gennaio è alle porte, poi Febbraio, Marzo. Mi prendo una ricaduta ad hoc e col cazzo che mi rivedono in campo.

Cose del genere insomma.

Un bel passo in avanti, comunque, verso la definizione massima. Verso la perfezione  visiva, d’immagine e di contenuti.

Cosa che non si può dire guardando all’altra sponda del Naviglio.

Sprovvisti di decoder e telecomandi di varia natura.

Costretti (laddove si necessita di cambio di canale) ad alzarsi dalle loro poltrone per visualizzare altre emittenti. Fermi ai vecchi Telefunken. Solo Allegri può permettersi un più che dignitoso MIVAR. Messi male, insomma.

Milanello e affini non essendo ancora stati interessati da questo cazzo di Switch-Off sono e rimangono legati ad un TUBO.

Catodico….per il momento.

Colpa nostra se siamo SEMPRE un passo avanti…!!!

televisione[1].jpg
DI GI TI VIultima modifica: 2010-11-26T22:00:17+01:00da bjuniors
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento